Recensione: Il riflesso dell’anima

Buona domenica, amici lettori! Ecco voi la prossima recensione del progetto, in cui troverete le opinioni che la lettura de Il silenzio dell’anima ha suscitato in me.

Titolo: Il riflesso dell’anima
Autore: Leda Muraro
Genere:
romantico
Editore:  0111
Collana: Selezione
Pagine: 182
Anno di pubblicazione:  2011
ISBN:  9788865780893
Prezzo:  €14,50
Formato: brossura
Valutazione: 
Grazie all’autrice per avermelo spedito.

Photobucket Photobucket
  

Era l’anno 1955. Lorenzo aveva appena 25 anni quella notte in cui tutto ebbe inizio. Ancora non sapeva che quella realtà, nella quale aveva appena compiuto un terribile sbaglio, stava per scomparire per sempre. Alla mattina nulla era più lo stesso. Non conosceva la casa nella quale si era svegliato, né il volto che vedeva riflesso allo specchio. Il volto di un vecchio.
Ancora non sapeva come fosse arrivato in quello strano posto, ma soprattutto non aveva  idea di come poter tornare indietro.

Devo ammettere che questo libro, nonostante all’inizio ci fossero un paio di aspetti che non mi hanno del tutto convinta, mi ha lasciata piacevolmente colpita. Il primo avvertimento che vi do, però, è il seguente: non ho idea del perché sia stata fatta questa scelta, ma trovo che definirlo “romance fantasy” sia decisamente fuorviante: romance lo è, ma di elementi del genere fantasy non sono riuscita a trovarne neanche uno.
Ignorate, quindi, l’indicazione data dalla casa editrice, che a mio parere porta solo fuori strada; l’unico aspetto che all’inizio poteva apparire riconducibile alla letteratura fantastica (ovvero il “viaggio nel tempo” di Lorenzo a cui accenna il riassunto) viene poi risolto con una spiegazione razionale, quindi il mio consiglio è di prenderlo solo come romance e non come romanzo fantastico. Se invece siete alla ricerca di un fantasy romantico passate oltre, perché qui non lo troverete.
Detto questo, torniamo alla nostra recensione.

A essere sincera, i primi dieci capitoli (circa due quinti del libro) non mi sono piaciuti granché, a partire dalla prefazione. Quest’ultima, in particolare, è decisamente più un prologo che una prefazione, dato che non è un cappello introduttivo scritto dall’autrice o da chi per lei per illustrare il contenuto del romanzo, bensì fa già parte della storia vera e propria.
Il problema è che questa introduzione, o prologo che sia, all’inizio mi ha spiazzata non poco: di chi sia il punto di vista (in prima persona, mentre tutto il romanzo – escluso l’epilogo – è in terza) non è chiaro, e il senso di confusione generato da esso si fa sentire fin da subito.
L’arcano, per fortuna, viene svelato nel finale, ma quasi fino a metà libro non ho fatto altro che tormentarmi riguardo a quel misterioso prologo, anche perché fino a quando avviene il colpo di scena che fa decollare finalmente la trama non c’è quasi stato verso di capire dove la storia volesse andare a parare.
Qualche piccolo problema –  che tuttavia non passa inosservato –  di consecutio temporum e di cambi di PoV, inoltre, si fa sentire, per non parlare di un buon numero di virgole che sembrano essere misteriosamente scomparse…

Riguardo alla storia, comunque, nei primi capitoli ci troviamo a metà degli anni 50, e qui conosciamo Lorenzo, studente veronese che appartiene a una famiglia povera ma che, nonostante le sue origini umili e un padre che sembra voler distruggere tutte le sue speranze di migliorare la propria vita, ha il sogno di laurearsi in medicina. Un giorno conosce Lena e rimane subito incantato dal suo carattere sbarazzino, e ben presto la loro amicizia si trasforma in qualcosa di più profondo, anche se entrambi dubitano che la loro storia possa concludersi bene: lei è la ricca figlia di due importanti commercianti di lana, si sposta spesso dall’Italia alla Francia, ma soprattutto a Parigi la aspetta un fidanzato e un futuro marito impostole dal padre.
Ormai il matrimonio è deciso, e Lorenzo, sapendo che se Lena sceglierà lui non potrà mai donarle un’esistenza sfarzosa in cui lei vive fin da quanto è nata, ma amandola a tal punto da volere soltanto il suo bene, decide di lasciarla andare. Quando però Lena parte per Parigi e lui si pente della sua scelta, è troppo tardi: Lorenzo si sveglia un mattino di più di cinquant’anni dopo, e anche il suo corpo, naturalmente, sente questi cinquant’anni in più. Adesso è un vecchio ed è disteso in un letto di ospedale, e accanto a lui ci sono due donne che lo chiamano “papà” ma che lui non ricorda di avere mai visto. Col passare dei giorni, però, finalmente comincia a ricordare quello che è successo e la verità viene finalmente a galla, ma le cose non sono affatto semplici: come mai ora si trova nel 2010, nonché quasi alla fine della sua vita, mentre sa di aver lasciato andare Lena solo ieri? E soprattutto, come fare per ritornare indietro e sistemare le cose?

L’idea di base, se vogliamo, non è delle più originali: anche senza rifletterci a lungo, mi vengono in mente almeno una dozzina di titoli, tra libri e film, in cui ritroviamo il tema dei due giovani innamorati il cui amore è ostacolato da una differente condizione sociale – tra cui, naturalmente, la celebre coppia la cui vicenda si svolge proprio a Verona. Per rendere Il riflesso dell’anima diverso dai suoi molteplici predecessori serviva qualcosa di speciale, e sono convinta che l’autrice sia riuscita a raggiungere questo scopo quasi del tutto.
Quando dico “quasi” mi riferisco all’inizio, che a mio parere poteva essere reso in un modo migliore, meno confuso e magari un pelo più breve (80 pagine di introduzione, per un libro di queste dimensioni, sono tantine, dopotutto), ma per il resto, come accennavo sopra, sono rimasta davvero sorpresa dal risvolto che questo romanzo ha preso a partire dalla metà.
L’idea che ho apprezzato maggiormente è stata quella del “salto” tra il 1955 e il 2010, grazie alla quale la storia assume le tinte del giallo: una vicenda d’amore in apparenza classica diventa emozionante e addirittura commovente come capita di rado. Soprattutto la parte finale, poi, è qualcosa di assolutamente riuscito: a proposito di quel che facevo notare prima, cioè che Il riflesso dell’anima di fantasy non ne ha proprio traccia, non mi sarebbe dispiaciuto se lo scioglimento del mistero fosse stato lasciato in un alone di mistero e di paranormale, ma trovo che anche una spiegazione così “razionale” (eppure per certi versi così inspiegabile) sia risultata davvero ottima. Se dopo queste mie parole siete confusi, non spaventatevi: spiegarvi tutto senza fare spoiler sarebbe impossibile, perciò dovrete accontentarvi di questo 🙂

L’aspetto più riuscito, però, a mio giudizio è la caratterizzazione dei personaggi: i protagonisti, due ragazzi così diversi eppure così uniti, sono dipinti talmente nel profondo da sembrare quasi vivi. Anzi, è stato un vero dispiacere che la storia sia volata via in così poco tempo, perché 180 pagine secondo me non sono state sufficienti per conoscerli bene: sarebbe stato bello che venisse dedicato più spazio al timido Lorenzo e all’esuberante Lena, perché trovo che un libretto così sottile non sia abbastanza capiente da contenere tutte le sfaccettature dei loro caratteri.
La mia preferita è senz’altro Sophie, una delle due figlie di Lorenzo: a tratti ingenua ma dolcissima e soprattutto affezionata al padre in un modo così tenero che più volte mi ha commosso.

In definitiva, dunque, è senz’altro un romanzo che merita di essere letto, le cui qualità sono senz’altro in grado di far chiudere un occhio su alcune piccole sbavature di stile, e soprattutto che è capace di emozionare.

*       *       *

Oltrepassò il letto superando velocemente una grande specchiera accostata alla parete. Non l’aveva guardata direttamente, ma una strana sensazione lo costrinse a tornare lentamente sui suoi passi. Sollevò il viso verso lo specchio e ogni cosa sembrò fermarsi. Anche il suo respiro. Spalancò gli occhi facendo un passo indietro senza riuscire a spostare lo sguardo terrorizzato da quel riflesso.
«Oh mio Dio» riuscì a bisbigliare mentre una lacrima scendeva veloce lungo le guance.
Il suo volto, il suo corpo… come poteva essere possibile…
Non aveva senso.
Tremando passò una mano lungo il viso. Un viso che non era il suo. Un viso stanco, sciupato, solcato da decine di rughe e da una corta barba bianca.
Gli occhi scavati lasciavano trasparire il fardello degli anni che però sapeva di non aver ancora vissuto. I capelli bianchi incorniciavano un volto che non riconosceva.
Rimase fermo qualche secondo in quel punto spostando ansiosamente lo sguardo dallo specchio alle sue mani che avevano iniziato a tremare visibilmente. Non riusciva a capire.

Annunci

6 responses to “Recensione: Il riflesso dell’anima

  • Poe Crisis

    Ho scoperto solo da qualche giorno questo blog (grazie alla pubblicità che ti ha fatto uno degli autori di cui hai recensito il libro) ma me ne sono già innamorata.
    Riguardo al libro, sembra molto interessante. Ci farò un pensiero!

  • Ossimoro

    Anche qui….scambio imminente in arrivo! Della serie…ormai che lo dico a fare? 😀 E’ tanto tempo che non leggo una storia d’amore degna di tale nome e questa sembra esserlo. Ergo…

  • unavitalunatica

    Davvero non riesco a capacitarmi di come certe case editrici tentino in tutti i modi di lasciar passare i libri, da loro editi, come ‘appartenenti’ a generi che non hanno nulla a che vedere con la trama del libro stesso: non so se ho reso l’idea ^^”
    Le storie d’amore non m’attirano per niente: sarà che ho paura di buttare soldi al vento, ritrovandomi con il solito marciume sdolcinato da quattro soldi che viene propinato agli incauti lettori.

    Pausa di riflessione

    Dalla tua recensione, però, si direbbe che questo libro non sia un membro della vasta ‘èlite marcia’: ci farò un pensierino. Chissà che non decida di ordinarlo in biblioteca.
    PS: ‘Riflesso dell’anima’ è tremendamente orecchiabile come titolo! Magari, un pò trito ma, tutto sommato, non male.

    • topolinamarta

      Bah, i tanti misteri dell’editoria…^^
      In ogni caso, se può servire, io non l’ho trovato affatto sdolcinato; anzi, la storia d’amore tra Lorenzo e Lena mi è piaciuta proprio perché è tutt’altro che smielata. Credimi, non le sopporto neanch’io le smancerie che si trovano di solito 🙂

Stretta è la soglia, larga è la via: dite la vostra, che ho detto la mia!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: