Per un Halloween da brivido…

Chiedo umilmente perdono per il post davvero poco originale… ma dopo aver visto l’immagine che sto per proporvi dubito che stasera riuscirò a chiudere occhio per il terrore (cliccate per ingrandire, ma solo se avete coraggio e se non siete deboli di cuore):

Per chi non conoscesse il suddetto autore (autrice?) e i suoi libri, sappiate che me ne sto occupando in questo momento e che, essendo tra i più raccapriccianti che abbia mai avuto l’onore di leggere (per questo non voglio sapere cosa stiano scrivendo le suddette “Unika-fans” e come lo stiano scrivendo…), probabilmente tra non molto dovreste trovare su questi lidi una bella recensione… e nel frattempo vi invito a leggere alcuni degli articoli che il prode Zweilawyer ha dedicato a questa bllxima saga fèntasi, così per farvi un’idea. 

Intanto, la vostra amica topolina vi augura il più spaventoso Halloween che abbiate mai vissuto! 

Annunci

16 responses to “Per un Halloween da brivido…

  • Ossimoro

    Cosa c’è di meglio che festeggiare Halloween con qualche pseudolibro disgustosamente trash? Buon Halloween, carissima Marta! 🙂

  • Prisca

    Perché ti fai del male in questo modo, Marta? xD

  • panssj

    Meno male che questo post l’ho visto al mattino, e non la sera prima di andare a dormire :’D

  • Florio

    Devo essere sincero? Zweilawyer non mi sta molto simpatico, vista la sua irriverenza e il suo linguaggio poco educato…
    Il libro non l’ho letto, ma fa davvero così schifo? TU hai fatto una recenzione su questo libro?

    • topolinamarta

      Ho letto tipo le prime 50 pagine, e ti assicuro che è raccapricciante come pochi. La recensione arriverà, tranquillo 🙂

      Ps: più che altro, a me di Zwei piacciono le recensioni, ma ne condivido davvero poco i gusti, per esempio riguardo ai libri pulp e splatter… :S

  • Marco Mezzazappa

    Unika fa schifo. Non ci sono se e ma.
    Il primo romanzo? Un miscuglio di refusi, aforismi e nonsense, che occupano 9/10 del libro mentre la trama, balorda e più che banale, appena 1/10.
    Il secondo romanzo? Una vera e propria OFFESA nei confronti di un qualsiasi lettore, dato che può essere riassunto così: “Scemo chi legge”

  • Ritam

    Te li stai leggendo tutti??Ammazza che coraggio :)!!! Cmq personalmente, dopo aver letto veramente di tutto e di più su questa faccenda di Unika, mi sono fatta la mia idea, e la vorrei esporre per sapere se qualcun altro ci ha già pensato o la condivide.

    Per me NON ESISTE NESSUNA “E.J.Allibis”, e i libri di Unika di conseguenza sono scritti da vari scrittori su commissione, i così detti Ghost Writer, sulla traccia di un prodotto creato a TAVOLINO dal team della Deagostini per inseguire i vari trend di angeli, ammmore féntasy e scrittrici esordienti che fanno saghe f-f-f-fééntasy 🙂
    A supporto di questa teoria ci sono vari fatti: primo su tutti che a qualunque commento, insulto o anche saluto che sia fatto fuori dal blog, la sedicente scrittrice non risponde MAI, soprattutto MAI a quelli negativi. Questo è quantomeno sospetto, perché quasi tutti gli scrittori che si sono sentiti insultati in passato ALMENO UNA VOLTA hanno replicato (cavoli, un minimo di orgoglio è pure normale).
    Secondo, TUTTI i post e le relative risposte del suo blog sono robotiche, fredde e soprattutto esplicitamente e unicamente pubblicitarie! Un rappresentante di marketing si esprime in quella maniera, non una ragazza, scrittrice esordiente. Cavolo, Licia Troisi racconta di ogni cosa che le accade nel suo blog!! Sta “ragazza” vorrebbe farci credere che dopo aver scritto un mega libro stravenduto e distribuito pure nei supermercati non le va davvero MAI di dire NULLA di sé? E non mi si venga a raccontare che vuole fare tutto per nascondere la sua identità perchè è una scusa che regge come il colosseo cementato con la vinavil..
    Ho il sospetto che siano proprio tutti quei nickname privi di profilo che commentano sul blog e su anoobi i Ghost Writers scrittori di Unika (il che spiegherebbe anche la mostruosa disorganicità del libro, che ogni paragrafo sembra una mano diversa e non tiene quasi per nulla conto delle situazioni e delle caratterizzazioni precedenti).

    Del resto, all’interno delle grosse redazioni come la DeA è normalissimo, praticamente la prassi prevedere al lancio di un prodotto una gigantesca ondata di pubblicità mediatica fingendosi utenti e lettori comuni, spesso i vertici ordinano proprio ai dipendenti di crearsi falsi profili e passare almeno un’ora al giorno a commentare e spammare in giro il prodotto, e questo quando non c’è proprio un reparto intero ad occuparsene.

    Per me è proprio chiaro, E.J. ALLIBIS (perché poi quel nome è il rovescio di SIBILLA? boh) non è una persona, ma un gruppo di dipendenti pagati per scrivere Unika, una roba puramente COMMERCIALE, nata su commissione o quasi per un pubblico mainstream, per cui la qualità non è affatto contemplata!
    D’altronde, se mi sbaglio e la signora Allibis esiste, la invito a replicarmi!

  • Marco Mezzazappa

    “A supporto di questa teoria ci sono vari fatti: primo su tutti che a qualunque commento, insulto o anche saluto che sia fatto fuori dal blog, la sedicente scrittrice non risponde MAI, soprattutto MAI a quelli negativi.”

    Che io ricordi non commenta MAI. Nemmeno difronte ai complimenti.

    “Secondo, TUTTI i post e le relative risposte del suo blog sono robotiche, fredde e soprattutto esplicitamente e unicamente pubblicitarie! Un rappresentante di marketing si esprime in quella maniera, non una ragazza, scrittrice esordiente. ”

    A parte che ancora è da stabilire il sesso… Solo io ho notato che Unika è stato il primo fantasy “Made in Italy” che è stato sponporizzato da una linea di vestiti, “Motivi”, cosa che non è mai stato fatto neanche per la più famosa scrittice fantasy italiana Licia Troisi?
    Un altro fatto: se vuoi commentare sul suo blog devi registrarti.. ma non è che fanno “login/pass” e basta, no, vogliono sapere proprio tutto di te. Io ho impiegato circa mezz’ora per fare il login (con dati veri), e in meno di 24 ore mi sono beccato il ban. Per non parlare della pagina dei fan di Facebook, una atrocità degna di “Zombi Horror – Le Notti del Terrore”

    “Cavolo, Licia Troisi racconta di ogni cosa che le accade nel suo blog!! Sta “ragazza” vorrebbe farci credere che dopo aver scritto un mega libro stravenduto e distribuito pure nei supermercati non le va davvero MAI di dire NULLA di sé? E non mi si venga a raccontare che vuole fare tutto per nascondere la sua identità perchè è una scusa che regge come il colosseo cementato con la vinavil..”

    Deve essere Bin Laden: quelli che i marines hanno ucciso era un suo sosia. ll vero Osama si trova in Italia da più di 5 anni, si è tagliato la barba e fatto crescere i baffi, camuffato da kebabbaro e ha preso degli accordi segreti con la DeAgostini.

    “Ho il sospetto che siano proprio tutti quei nickname privi di profilo che commentano sul blog e su anoobi i Ghost Writers scrittori di Unika (il che spiegherebbe anche la mostruosa disorganicità del libro, che ogni paragrafo sembra una mano diversa e non tiene quasi per nulla conto delle situazioni e delle caratterizzazioni precedenti).”

    Ripeto: vai a vedere la fanpage di Unika: falsi, ignobili e idioti che sembrano non conoscere Google. Sono profili falsi, devono esserlo

    • Ritam

      “Che io ricordi non commenta MAI. Nemmeno difronte ai complimenti.”

      A maggior ragione! Io chiedo scusa, ma non mi sono messa a guardare propro TUTTI i post ^^! Bravo te che l’hai fatto!

      “A parte che ancora è da stabilire il sesso… Solo io ho notato che Unika è stato il primo fantasy “Made in Italy” che è stato sponporizzato da una linea di vestiti, “Motivi”, cosa che non è mai stato fatto neanche per la più famosa scrittice fantasy italiana Licia Troisi?”

      Davvero?? Incredibile XD prova ancora maggiore che sia dall’inizio una gigantesca, sfacciatissima operazione commerciale!! Io non so te, ma a questo punto non vedo neanche più la necessità di stabilire il sesso ^^ tanto femmina o maschio, uno o plurimo, sempre ‘monnezza è :)!

      “Deve essere Bin Laden: quelli che i marines hanno ucciso era un suo sosia. ll vero Osama si trova in Italia da più di 5 anni, si è tagliato la barba e fatto crescere i baffi, camuffato da kebabbaro e ha preso degli accordi segreti con la DeAgostini.”

      AHAH XD ecco perchè Obama piangeva! Come poteva sapere che lasciandolo andare sarebbe giunto alla DeAgostini a fare ancora più danni?!! Grande 😀

      “Ripeto: vai a vedere la fanpage di Unika: falsi, ignobili e idioti che sembrano non conoscere Google. Sono profili falsi, devono esselo”

      Ah sì certo, io non metto affatto in dubbio che lo siano! Dico solo che OLTRE ad essere dei profili falsi, sono certamente anche correlati con Unika e la Deagostini, dipendenti più probabilmente, che creano account, profili e recensioni per gonfiare il prodotto!
      A me riesce difficile credere che ci sia un solo autore dietro tutto questo proprio perché ho visto molti scrittori autopubblicizzare la propria opera, ma a questi livelli mai nessuno; ci deve essere minimo una redazione INTERA dietro per tirare su un teatrino del genere, no? Appena posso cmq ci vado nella fanpage, mi faccio due risate 😉 Grazie!

      • Irenne

        Mi scuso con tutti perché per il mio primo post potevo inventare qualcosa di meglio (e mi congratulo con Topolinamarta per l’ottimo blog), ma veniamo al dunque:
        – la stragrande maggioranza (sarò buona) dei commentatori di Unika sono dei fake? Molto probabile, e non lo dico solo io:
        http://wereharesburrow.wordpress.com/2011/10/13/forever-alone/ (perdonate lo spam ^O^ )
        – E. J. Allibis = Osama Bin Laden? Non mi ricordo dove, ma avevo sentito la stessa ipotesi da qualche parte xD
        – Questo post fa paura? Sì. Tanta, anche.

        Rinnovo i complimenti e torno nell’ombra n_n

      • topolinamarta

        Solo io ho notato che Unika è stato il primo fantasy “Made in Italy” che è stato sponporizzato da una linea di vestiti, “Motivi”, cosa che non è mai stato fatto neanche per la più famosa scrittice fantasy italiana Licia Troisi?

        Ommioddio, non ricordatemelo, per favore! T.T Non immaginate quanto sia stato frustrante veder entrare in classe una delle mie prof vestita con una maglia con su scritto “UNIKA” e non poterle dire niente per paura di ritorsioni…

  • Kinkie

    sta gentaglia ha riempito internet di profili e commenti
    falsi che parlano bene di Unika, vanno sputtanati a 360°

  • Kinkie

    la DeAgostini dovrebbe fare un esame di coscienza,
    rinnegare Alibis e scusarsi per aver preso per il culo i lettori.
    Il danno di immagine portato all’azienda da questa vergognosa
    operazione è incalcolabile.

Stretta è la soglia, larga è la via: dite la vostra, che ho detto la mia!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: