[Segnalazione] Il sigillo di Aniox

Prendo un post di pausa tra le (tante) recensioni che devo scrivere per fare un po’ di sana pubblicità a una “collega” mia coetanea, che nelle scorse settimane è riuscita a tenere per la prima volta in mano il suo primo libro pubblicato. Permettete che vi presenti lei e il suo romanzo? 🙂

Front-Cover-Il-Sigillo-di-Aniox1

Titolo: Il sigillo di Aniox (#1/3)
Sottotitolo: Ritorno alle origini
Autore: Chiara De Martin
Genere: fantasy
Editore: Piazza
Pagine: 523
Data di pubblicazione: 2012
Prezzo: 15,00
Formato: brossura
ISBN: 9788863410730

(Presto disponibile su IBS.)

  

LA TRAMA La vita di Rut viene sconvolta la notte del suo quattordicesimo compleanno, quando, durante la sua festa, degli sconosciuti fanno irruzione in casa sua con l’intento di catturarla. Da quel momento, la sua vita non potrà più essere la stessa. Accompagnata da Jack, suo amico e protettore, e dalle Sorelle della Luna, Rut ritornerà ad Aniox, uno dei Ventiquattro Regni, tra le braccia dei suoi genitori naturali. Fin da subito, però, l’ombra di una guerra contro il Destinato, giovane mago intenzionato a conquistare il suo Regno, oscurerà la felicità delle sue giornate, assieme alle parole di amore e morte di un’indovina e alla misteriosa attrazione che Rut sente verso le montagne che occupano il suo orizzonte, legate ad un’antica leggenda di paura e magia. 
E mentre il Destinato e il suo generale Philibert si faranno sempre più vicini, portando con loro la minaccia di uno scontro armato, una figura mascherata, chiamata La Lince, lotta per mantenere la pace e Rut deve fare anche i conti con i battiti sempre più forti del suo cuore. 

419727_498448276865001_1392589210_nL’AUTRICE – Chiara De Martin è nata nel 1995 a San Pietro di Feletto (TV), dove frequenta il liceo scientifico. Ama da sempre leggere, con una passione particolare per il genere fantasy, e quando ha iniziato a scrivere, a 13 anni, non si è più fermata: Il sigillo di Aniox, pubblicato da Piazza Editore, è il suo romanzo d’esordio, nonché primo volume di una trilogia che aspetta solo di essere pubblicata.

UNO SPIZZICO

Un filo di sangue e un corpo abbandonato a terra. La scena che si presentò alla giovane fu terribile: Nil, il maggiordomo, era riverso sul pavimento in un mare di sangue.
Gli occhi le si riempirono di lacrime e cadde in ginocchio, incapace di pensare, di capire quello che era successo e perché sul pavimento della sua casa c’era il cadavere di un uomo. Gli era molto affezionata, perché era sempre stato lui a controllarla quando Anny e Jeorge erano fuori città per lavoro. Una grande pietà si impossessò di lei nel vedere la moglie ricoprire il corpo del marito con lacrime e strazianti lamenti.
– Rut, vai con Jack – le ordinò Jeorge, scandendo bene le parole, mentre le passava accanto.
– Cosa…- provò a ribattere lei, ma suo padre si era già perso tra la gente.
In quel momento arrivò Jack.
– Vieni via, è pericoloso.
La afferrò per il braccio e cercò di trascinarla fuori, ma lei si divincolò e si allontanò da lui.
– Rut, per favore, dobbiamo andare – la pregò.
Lei, che a stento riusciva a trattenere le lacrime, si abbandonò sul pavimento; non sapeva cosa stesse succedendo, ma era certa che fosse quello di cui Jack non le aveva voluto parlare. Qualcuno doveva morire, quella sera. Quando il ragazzo tentò di riavvicinarsi a lei, un secondo proiettile si schiantò sul lucido pavimento a pochi centimetri dai suoi piedi. Indietreggiando istintivamente, il giovane cominciò a guardarsi intorno; l’assassino si trovava al piano superiore, ma voleva capire di chi si trattasse.
E se si fosse trattato proprio del suo generale? Nel frattempo ombre scure cominciarono a calarsi dal tetto con delle funi. (…)
– Barone, quanto tempo! Non si salutano più gli amici?
L’uomo aveva parlato e Jack fu preso da un attacco di panico. Non serbava un bel ricordo di lui. (…)
– Chi sei? Fatti vedere!- gridò lui.
L’uomo non si fece pregare.
– Philibert!- sibilò a denti stretti Jack.
L’assassino era un uomo di bell’aspetto, sicuramente sotto i quarant’anni, e appoggiata alla guancia teneva la pistola. Occhi e capeli erano neri e un sorriso sinistro gli increspava le labbra. Ma Jack era già uscito dai suoi pensieri: ora la sua attenzione era tutta per Rut.

*       *       *

Senza titolo-1 copia

Advertisements

3 responses to “[Segnalazione] Il sigillo di Aniox

  • Ossimoro

    Aproposito di baby….Marta, lo sai che c’è una tua quasi coetanea che è stata appena lanciata con un lancio degno di Giordano da Mondadori? Credo abbia quasi vent’anni (ne aveva 17 quando ha scritto il libro) e si chiama Gaia Coltorti! Se trovi il suo libro in ebook piratato, mandamelo, ti prego! 😀

  • ledina

    Non l’ho letto, ma la copertina è davvero mooooolto moooolto carina! ho letto l’articolo, di solito le “storie di 14enni” non sono proprio di mio gusto. Appassionata di Fantasy un po’ più da adulti. Ma devo dire che mi ha incuriosito… ora mi segno il nome e andrò acercarlo nelle librerie! Spero mi piaccia e magari in un secondo momento ritorno a scrivere le mie impressioni sul libro! ^__^

  • Chiara

    @ ledina
    Sono contenta che la copertina ti piaccia, lo riferirò all’autrice:)
    Se ti interessa tra qualche giorno aprirò una catena di lettura su anobii, credo nel gruppo “due chiacchere con gli autori”:)
    Chiara De Martin

Stretta è la soglia, larga è la via: dite la vostra, che ho detto la mia!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: