Archivi categoria: Preliminari & Quotidiana amministrazione

Missing Mice

A seguito delle numerose richieste che ho ricevuto, scrivo un breve post per aggiornare la situazione.
Visto che ormai parecchi me l’hanno chiesto: no, la Topolina non è morta 🙂 A dire il vero è viva e vegeta, nonché più scattante che mai, e i motivi di questo suo gaudio  sono anche le medesime ragioni per cui è scomparsa.

Come molti di voi già sanno, il 2014 è stato per me l’anno della maturità, che per una serie di ragioni che non sto a elencare è stata una faccenda alquanto tosta (in poche parole, ho scoperto cosa significa vedere il mio tempo praticamente monopolizzato dalla scuola – e non è una bella cosa, credetemi).
Ad ogni modo –  grazie al cielo – anche la maturità è andata, e in seguito sono riuscita a realizzare quello che era il mio sogno da gennaio di quest’anno: entrare alla mitica FUB, Free University of Bozen-Bolzano. (A dire il vero sapevo di essere stata presa già a maggio, quando è uscita la graduatoria in seguito ai test di ammissione, ma per ovvi motivi ho potuto confermare l’iscrizione solo a maturità ultimata.)

So già che vi starete chiedendo: “ma perché andare fino in Südtirol (dove ci stanno i crucchi che parlano solo tetezko, ja!!!), quando c’hai per dire la Alma Mater Studiorum a quattro passi?”
I motivi di questa mia scelta un po’ particolare sono stati numerosi, forse troppi per elencarli tutti. La ragione principale, in ogni caso, è la seguente: sapevo di volere un corso di ingegneria informatica e soprattutto sapevo di volerlo in inglese. Be’, si dà il caso che quello di Bolzano sia l’unico ateneo in Italia che offra un’opzione del genere. Tanto più che al liceo ho avuto l’opportunità di studiare anche un po’ di tedesco, che ho sempre adorato nonostante la sua complessità… quindi detto e fatto: finalmente sono anch’io una matricola, in quella che – secondo il mio modesto parere – è la migliore università che avrei mai potuto scegliere. Scherzi a parte, dopo quasi due mesi di lezione credo davvero che non sarei voluta andare in nessun altro posto 🙂

Cosa c’entra la mia carriera scolastica/universitaria col blog? Be’, c’entra eccome, perché come forse avrete notato in pratica è più di un anno che non pubblico un post decente (lo so, sono vergognosa). Non perché abbia improvvisamente esaurito l’ispirazione: tutt’altro. Semplicemente, l’idea di scrivere una recensione, o un articolo in generale, in fretta e furia, senza avere il tempo di rifletterci su, mi fa schifo… perché alla fine gli ultimi articoli che ho scritto erano così: battuti velocissimamente, dopo aver letto il relativo libro con la testa da un’altra parte. Non mi piace lavorare così, punto.

In secondo luogo c’è un altro fatto subentrato da poco, ovvero che, data la natura del corso che sto frequentando, è importante per me esercitare la lettura e la scrittura in lingua. Questo significa che al momento sto leggendo soprattutto libri in inglese, il che inevitabilmente “ruba” tempo ai romanzi che gli scrittori esordienti hanno deciso di inviarmi. Ecco perché penso che la soluzione più sensata sia congelare Pensieri d’Inchiostro (e quindi anche il progetto delle recensioni) fino a quando non avrò più tempo per dedicarmici seriamente – cosa che in pratica ho già fatto, anche se mai ufficializzato, e riguardo a questo desidero scusarmi con tutti quelli in attesa.

Ciò naturalmente non è sinonimo di chiudere i battenti: i commenti ai vecchi post sono sempre aperti, quindi avete la completa libertà di scrivere qualcosa, se avete voglia di rispolverarli.
Con questo la Topolina vi saluta, ringraziando tutti coloro che stanno continuando ad alimentare, volontariamente e non, le visite del blog (‘azz… noto adesso che siamo quasi a 300’000 click! *__*).

Bacioni topolosi a tutti quanti! ❤

international mouse

 

PS: ringrazio il mio nonostante tutto fedele lettore Prof. Gemelli, per avergli preso in prestito il soggetto di una sua email e averlo trasformato nel titolo di questo post 🙂

Annunci

2013 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The Louvre Museum has 8.5 million visitors per year. This blog was viewed about 98,000 times in 2013. If it were an exhibit at the Louvre Museum, it would take about 4 days for that many people to see it.

Click here to see the complete report.


Giovani topoline crescono

Pubblico questo post con due giorni di ritardo, ma questa settimana ho avuto talmente tante cose da fare che non ho avuto un secondo libero per connettermi e scriverlo.

Alla fine è fatta, ragazzi: la vostra Topolina è maggiorenne! ^^
Intanto che sperimento un po’ alla volta tutte le novità che implica l’avere diciotto anni, desidero augurare buone vacanze a tutti: domani parto e sto via per una settimana, prima di riprendere a lavorare, ma ciò non significa che non mi farò sentire!
Ora scappo a preparare la valigia perché il tempo stringe, ma prometto che tornerò prestissimo con tanti nuovi, succulenti articoli! 🙂

Be’, a questo punto ci si vede, gente!

topolina


+ 2 al blog…

Rieccoci qua, incredibile ma vero, nel giorno del secondo compleanno di Pensieri d’inchiostro. Chi avrebbe detto che ci saremmo ritrovati ancora qui a due anni di distanza? Io di sicuro non ci avrei messo la mano sul fuoco, quel “lontano” giorno del 2011 (scherzi a parte, ultimamente il tempo mi scappa via a una velocità davvero inquietante… sarà perché sto crescendo? O.o), quando non avevo neanche 16 anni… e invece, adesso, pensate che tra due settimane la Topolina diventa maggiorenne! Roba da matti, nevvero? 😉

Nel caso interessi a qualcuno, comunque, dopo due anni posso ben dire che lo scopo che mi ero prefissa nel momento in cui sono entrata per la prima volta in WordPress sia stato raggiunto: l’idea che mi ha portato ad aprire il blog, infatti, era sì di condividere i miei pensieri letterari con quanti avessero voglia di leggerli (in caso contrario avrei continuato senza problemi a scrivere fiumi di parole nel mio diario ultrasegreto… ma purtroppo per voi sono una che ama mettersi in gioco, quindi eccomi qua ^^), ma il motivo era anche quello di vedermi crescere e migliorare un poco alla volta, stilisticamente ma anche mentalmente.
Ecco, sul secondo punto non garantisco, ma almeno sul primo, che ci crediate o no, posso dire che non mi riconosco quasi più leggendo ciò che scrivevo due anni fa – e ad ogni modo si dà il caso che io scrivessi da molto prima, quindi immaginate cosa accade oggi con i testi di quattro, cinque, sei anni fa… brrr, non pensiamoci che è meglio!
Inoltre, grazie al blog ho imparato a essere più regolare nella scrittura: impegni permettendo, da due anni a questa parte riesco sempre, almeno una volta alla settimana, a sedermi al computer e scrivere… cosa che prima non sempre accadeva, più che altro a causa della mia ispirazione alle volte un po’ saltuaria. Insomma, il punto è che grazie a Pensieri d’inchiostro sto scrivendo tanto… e tra le tante cose chissà che, per caso, non capiti anche, prima o poi, qualcosa di lontanamente decente? 🙂

Scrivere… ditemi voi se al mondo c’è una cosa più bella di questa! 😉

Già che siamo qui parliamo un po’ di numeri e di dettagli tecnici, vi va?

Riguardo al numero di visite, siamo ormai prossimi alle 200’000: al momento sono 192’000, per essere esatti; dunque stando alle statistiche (280 click al giorno, quindi più di 8’000 al mese) dovremmo raggiungere il traguardo entro la fine di luglio. Ah, e sono orgogliosa di informarvi che il picco di visite giornaliere è ulteriormente migliorato: ben 662, registrate all’inizio di gennaio.
A proposito, invece, del numero di utenti attivi, anche qui posso dirmi assai soddisfatta: se il contatore di WordPress non dà i numeri, gli iscritti al blog via email sono – udite udite! – ben 542! Inoltre, come potete vedere dal plug-in di Facebook, la pagina del blog ha guadagnato più di 300 “Mi piace”! Insomma, a questo punto mi sembra obbligo dire un GRAZIE!!! grande così a tutti i lettori che seguono Pensieri d’inchiostro!

L’anno prossimo, proprio in questo periodo, sarò immersa fino alla punta del naso negli esami di stato, dunque non garantisco per la mia incolumità né per quella del blog… però intanto non pensiamoci, che ne dite? 🙂

A questo punto, cari amici, auguro buone vacanze a tutti! Grazie ancora a quelli che continueranno a seguire Pensieri d’inchiostro e… lunga vita ai libri!


Somme di fine 2012

Ancora poche ore e potremo dare il benvenuto all’anno nuovo, cari lettori, perciò eccomi qui a scrivere l’ultimo post datato 2012, proprio come ho fatto l’anno scorso.

Sono parecchi giorni che leggo, in giro per internet, commenti pessimisti riassumibili in

Che anno di m***a è stato, era meglio se i Maya facevano finire il mondo.

 … perciò suppongo di andare un po’ controcorrente quando dico che, per quanto mi riguarda, sono assai soddisfatta di questo 2012 che sta per concludersi: del resto, ho superato con un discreto successo il compimento inferiore di strumento, ho ottenuto la cintura marrone, hanno convocato la mia orchestrina a suonare l’inno d’Italia davanti a Napolitano e a un bel po’ di altri “pezzi grossi”… insomma, cose molto simpatiche, non credete? 🙂
E questo solo se parliamo del piano scolastico, perché su quello “letterario” è successo persino di meglio: quest’anno, infatti, ho letto tanti bei libriccini – secondo aNobii, almeno un centinaio – di cui molti nell’ambito del progetto, ho mandato avanti i miei progetti scrittevoli e, soprattutto, il mio blogghetto ha continuato a darmi un sacco di soddisfazioni! ❤

A proposito del blog, forse vi sarà piacere sapere qualcosa di più sulle statistiche: come potete verificare voi stessi nell’ultima voce della colonna qui a destra, Pensieri d’Inchiostro ha superato da poco le 140’000 visite dall’inizio, cioè da fine giugno 2011. Tante? Poche? Sinceramente non mi interessa: so solo che vedere un numero a tanti zeri mi riempie di felicità e di orgoglio! 🙂

Inoltre, le visite giornaliere e la media delle stesse è decisamente aumentata rispetto allo scorso anno: negli ultimi sei mesi del 2011 le visite totali sono state 40’000, mentre in tutto il 2012 ne ho registrate ben più di 100’000! La media giornaliera dello scorso anno, poi, era di 210 click… cresciuta fino a 276 nel corso di quest’anno.
Particolarmente positivo è stato, infine, quest’ultimo mese di dicembre, con un totale di ben 11’000 visite, di cui mediamente 360 al giorno, e giusto ieri il blog ha registrato il record assoluto di 651 visite in un solo giorno! Dei bei numeri per brindare tutti insieme, non trovate? ^^

Il merito è vostro, naturalmente, perché per quanto un blog possa contenere articoli interessanti (?) sono pur sempre i suoi lettori a renderlo popolare. Quindi grazie a voi, come sempre!

Tre hurrà per i mitici lettori di Pensieri d'inchiostro!

Tre hurrà per i mitici lettori di Pensieri d’inchiostro!

Mi pare di aver detto tutto, a questo punto. Ci rivediamo nei prossimi giorni, in cui posterò le letture di dicembre e la mia classifica dei migliori e dei peggiori libri del 2012, e naturalmente pubblicherò le nuove recensioni!

Continuate a seguirmi, mi raccomando! La vostra amica Topolina vi augura uno strepitoso 2013 e… che comincino i botti!

fuochi_artificio


Holiday Time

Come da titolo, amici lettori, è ormai tempo di vacanze: da domani, infatti, starò via per una decina di giorni.

Naturalmente non abbandonerò il mio adorato blog, dato che continuerò a pubblicare articoli, ma nel caso non mi facessi sentire tanto spesso (per esempio con i commenti) saprete perché. Non dovrò mica passare le vacanze attaccata a internet, no? 🙂

Comunque sia, ci risentiremo molto presto. Intanto, però…


Un anno sul blog

Che ci crediate o no, miei cari lettori (io infatti stento a crederci), è passato esattamente un anno dal giorno in cui per la prima volta ho premuto il tasto “Pubblica”, dando inizio alla vita di Pensieri d’inchiostro.
So che probabilmente molti di voi staranno pensando:

Ecco, adesso comincia con i soliti discorsi del tipo “È stato un anno lungo e faticoso ma piacevole e pieno di soddisfazioni, in cui sono cresciuta e cambiata…”. Meglio tagliare la corda finché sono in tempo!

Ma come ormai presumo saprete bene, se mi seguite da un po’, qui per i luoghi comuni e le frasi fatte non c’è spazio, perciò mi limiterò a dire questo: sì, in effetti non è stato sempre facile portare avanti questo impegno/passatempo che ho deciso di prendere… però per fortuna le soddisfazioni ci sono state e – cosa forse più importante di tutte – mi sono divertita! Quindi, per la gioia (?) di tutti voi che mi state leggendo con regolarità o meno (e anche di quelli che, per motivi che vanno al di là della mia comprensione, vorrebbero che chiudessi subito baracca e burattini e sparissi dalla circolazione ^^), credo che continuerò questo impegno/passatempo ancora per un po’! 🙂

Continua a leggere


Mein liebster Blog

Da quando il mondo di internet è entrato nella mia vita (diciamo più o meno quattro-cinque anni fa), ho sempre provato una naturale idiosincrasia nei confronti delle cosiddette catene di S.Antonio… ma oggi credo che farò un’eccezione, dato che la catena in cui sono stata “adescata” in questi giorni, una volta tanto, mi sembra carina. Vi spiego subito di cosa si tratta.

Letteralmente Liebster Blog, parola proveniente dal tedesco, significa blog preferito. Ogni blogger che lo riceve deve consegnarlo ad altri cinque blog preferiti con meno di duecento followers. Il ricevente del premio dovrà:
• ringraziare il blog che l’ha premiato e linkarlo;
• copiare e incollare l’immagine del Liebster Blog;
• scegliere cinque blog meritevoli con meno di duecento iscritti;
• avvisare i blogger con un commento sul loro blog.

Ringrazio quindi Mattia, amministratore del simpatico blog Sudare inchiostro, che mi ha eletto tra i “seinen liebsteren Blog”, ovvero i suoi blog preferiti… anzi: danke schön, lieber Mattia!  🙂
(Scusate, ma studiando tedesco da tre anni ci tengo a fare le cose per bene ^^)

E ora veniamo ai miei Liebstere Blog, sperando di riuscire a beccare quelli che non sono già stati “incatenati”. Vi dirò che non è facile scegliere tra i tanti che spizzico – anche perché non ho proprio idea di come si calcoli il numero dei visitatori -, ma ci proverò.

– 

• Diario di un’aspirante scrittrice fantasy
Un blog che seguo spesso per via dei contenuti che vi figurano, che di solito condivido in tutto e per tutto. Ricordo che l’ho scoperto per caso mentre facevo ricerche sui cliché fantasy da evitare, e mi sono imbattuta in questo post, che mi è piaciuto particolarmente: l’ho trovato diverso e più originale, perlomeno, dalle solite liste in stile “Nonciclopedia” che si trovano su internet.

• Il giovane blog di uno scrittore adolescente
Un altro dei blog che hanno ispirato l’apertura di Pensieri d’inchiostro, dato che anche il blogger che lo gestisce ha iniziato quando aveva circa la mia età. Qui troverete piccole perle filosofiche davvero divertenti.

• Silvia Mangiardi
La nostra Silvia è una giovane autrice al secondo libro pubblicato, che ho avuto l’opportunità di conoscere tramite un forum di scrittura collettiva. Naturalmente, vi consiglio lei e il suo blog, che troverete ricco di “istantanee” prese dai libri.

• Chiara Vitetta
Il nome probabilmente non vi suonerà nuovo, dato che ho già parlato di Chiara Vitetta – e più precisamente del suo libro – qui sul blog, ma vi consiglio ancora di fare un salto sul suo sito, pieno di ottimi consigli per chi vuole pubblicare un romanzo da esordiente senza incappare in fregature e, possibilmente, senza rimetterci il portafogli.

• La vera editoria
Il quaderno virtuale di un editor desideroso di sfatare molti dei miti che circolano riguardo all’essere scrittori e alla pubblicazione di un manoscritto, davvero interessante. Peccato che ultimamente sembri un po’ abbandonato, ma spero proprio che il blogger ritorni a postare con regolarità, perché i suoi articoli meritano veramente.

Be’, io il testimone l’ho passato: ora tocca a voi, miei prodi! 😉
È ovvio, comunque, che gli interessati non sono tenuti a proseguire a loro volta l’iniziativa se non lo desiderano, come per tutte le catene di S. Antonio e compagnia bella 🙂


Aria di novità

Come avevo preannunciato qualche giorno fa, in occasione del 6° “complemese” del blog e anche dell’anno nuovo, ho deciso di introdurre alcune piccole novità per rinnovare l’aspetto di Pensieri d’inchiostro, perciò ho deciso di scrivere questo post per fare una sorta di riassunto di questi cambiamenti.

• Quello che mi piace di più è sicuramente il nuovo metodo di valutazione delle recensioni: sto parlando delle goccioline d’inchiostro, con cui avete fatto conoscenza già da qualche giorno, e che andranno a sostituire le vecchie stelline. Le ho realizzate con tanto amore, perciò spero che vi piacciano! 🙂

• In secondo luogo troverete alcuni bannerini, sempre disegnati da me, che renderanno più allegri i vari post, in particolare quelli delle rubriche che ho avviato su Pensieri d’inchiostro. Uno l’avete già visto, quello del progetto “In my mailbox – Acquisti libreschi”, ma presto ne arriveranno altri!

Continua a leggere


Il CCI (Cassonetto dei Commenti Indegni)

Negli ultimi giorni, Pensieri d’Inchiostro è stato il capro espiatorio degli sfoghi di un utente giunto su questo blog unicamente per prendersela con colei (io) che si era permessa di criticare duramente un libro, nonché per seminare zizzania intasando numerosi post con un gran numero di commenti per lo più altamente stupidi o addirittura maleducati nei confronti miei e degli altri lettori del blog. In un primo momento avevo pensato di cancellare questi commenti poco carini, sperando così che l’utente in questione decidesse di smetterla con i suoi giochetti, ma poi il mio brillante cervellino è stato fulminato da un’idea: ieri sera stavo tranquillamente sguazzando tra i post del blog Gamberi Fantasy quando sono capitata per caso nella cosiddetta “Fogna dei commenti”, ovvero un vecchio post con cui Gamberetta annunciava che avrebbe cambiato la politica a proposito dei commenti stessi. Per chi non lo sapesse, la Fogna è il quartier generale di tutti i messaggi stupidi o, nel migliore dei casi, fuori argomento che hanno insozzato le pagine di Gamberi Fantasy negli anni: ogni volta che veniva pubblicato un intervento del genere, l’amministratrice lo faceva finire nella Fogna, dove era destinato a rimanere a marcire per il resto dei suoi giorni.

Cosa c’entra la Fogna di Gamberi Fantasy con il mio blog? Be’, molto semplicemente, ho pensato di prendere in prestito l’idea di Gamberetta (con un nome diverso, è ovvio) e di utilizzarla anche per il mio Pensieri d’Inchiostro, il tutto per i seguenti motivi:

1) Detesto la censura: per quanto idiota o privo di senso o Off Topic (d’ora in poi OT) possa essere un commento, non mi piace che sparisca senza lasciar traccia da un momento all’altro. Inoltre, non voglio che voi lettori pensiate che il “diritto di veto” che possiedo nei confronti dei commenti, in quanto amministratrice del blog, possa essere usato semplicemente per togliere di mezzo un intervento fastidioso;

2) Visto che tra i commenti dell’utente accennato poche righe più in alto ce ne sono alcuni che potrebbero benissimo essere catalogati tra gli insulti, non mi sembra giusto censurare una prova di quanto sappia essere maleducata la gente sapendo di essere protetta dallo schermo di un computer e da un’e-mail fasulla.

Quindi, presto fatto: d’ora in poi mi prenderò la libertà di spostare in quello che ho deciso di chiamare CCI (il Cassonetto dei Commenti Indegni) tutto ciò che non riterrò degno di comparire tra i commenti seri ad un post qualunque. Lo spostamento non avverrà in tempo reale, dato che non ho intenzione di rimanere connessa a internet 24 ore al giorno, ma se sapete che il vostro messaggio contiene roba palesemente OT, affermazioni senza senso o insulti di vario genere, scriveteli direttamente qui e mi farete un grosso favore.

A proposito: nel CCI non finiranno solo i commenti irrispettosi, OT e quant’altro, ma anche le eventuali repliche (e quindi anche dei miei messaggi) che costituivano la discussione, quindi se vedete che un vostro commento è stato cassonettizzato non significa necessariamente che sia proprio quel commento a essere offensivo, fuori argomento, ecc…

Un’ultima piccola indicazione per un uso consapevole del CCI:  se volete fare una domanda o dire la vostra su un argomento non legato ad alcun articolo, potete farlo tranquillamente qui. Non è detto che aver scritto un “commento indegno” sia per forza un male, anzi: come potrete notare leggendo tra i commenti qui sotto, nel CCI ci sono anche discussioni divertenti e interessanti.

Già che ci siamo, permettetemi di fare un paio di precisazioni riguardo ai commenti:

1) Se vi accorgete di aver commesso un errore ortografico o grammaticale in uno dei vostri interventi, NON scrivetene un altro per correggervi. Siamo su internet: una svista può capitare a tutti. Magari impiegate trenta secondi in più per rileggere ciò che scrivete, ma se vi sbagliate non fa nulla, davvero. (Se invece voleste farmi notare un errore che ho commesso io in uno degli articoli, fatelo pure senza timore: provvederò subito a correggerlo e a ringraziarvi per avermelo fatto notare. Anche i migliori sbagliano, quindi figurarsi io.)

2) Sono capitati un paio di messaggi privi di senso, composti premendo a caso lettere sulla tastiera (es: “gngrvsfrv”). Inutile dire che questi verranno cestinati immediamente. Avete letto bene: cestinati, non cassonettizzati.

3) A volte WordPress segna come SPAM dei commenti che in realtà non lo sono (per esempio se contengono un gran numero di link o delle parole “vietate”). Non preoccupatevi se non li vedete comparire, dunque: controllo spesso la cartella dello SPAM e quindi provvederò in breve tempo a sistemare tutto.

4) Per quanto riguarda lo SPAM vero e proprio – che finora non è mai capitato, ma non si sa mai – accadrà la stessa identica cosa dei messaggi privi di senso. Quindi, fate un favore all’intero blog: evitate di spammare e saremo tutti più contenti.

Detto questo, buona giornata a tutti.

PS: è ovvio che, anche se questo è ufficialmente il cassonetto dei messaggi indegni, i commenti – belli o brutti – a proposito del CCI stesso sono sempre bene accetti. Questa mi è parsa una buona soluzione al problema che si era presentato… spero di aver fatto centro, dunque 😉

*       *       *

EDIT del 25/03/12. Visto che, a quanto pare, non mi sono spiegata bene, ribadisco il concetto e mi prendo la libertà di aggiungere una piccola cosa: come potete vedere dal simpatico bannerino appena comparso qui a destra proprio sotto il CCI, i troll che giungeranno su questi lidi saranno perseguitati duramente e costretti ad andarsene con le buone o con le cattive.
Le “buone”, nella fattispecie,  sono un paio di richiami all’ordine e l’eventuale cassonettizzazione; le “cattive”, il cancellamento immediato e inappellabile dei commenti che riterrò indegni persino per il Cassonetto, e ricordatevi che in casi estremi non mi faccio alcuno scrupolo di fare un giretto alla Polizia Postale. Evitate, quindi, di tirare fuori le solite storie: io questo non lo chiamo censurare, bensì difendere quella che – vi ricordo – è casa mia da chi non ha nulla di meglio da fare che insozzare i blog altrui con messaggi idioti.
Spero di essermi chiarita, adesso.