Per te che sei un esordiente…

N.B.: al momento il progetto è chiuso – vedi qui.

——————————————————————————————————————-

Pensieri d’Inchiostro è un blog senza particolari desideri di fama e di successo, ma gestito da una lettrice costantemente alla ricerca di nuovi libri che possano tenerle compagnia per qualche ora piacevole.

Se dunque sei anche tu:

a) uno scrittore – non importa se esordiente o affermato, famoso o sconosciuto, bello o brutto, bianco o nero… – e desideri una recensione gratuita di un tuo libro e/o un articolo informativo a scopo di pubblicità gratuita;

b) il rappresentante di una casa editrice intenzionata a collaborare con me, per esempio, oltre che a spedire materiale per le recensioni, pubblicizzandosi e dando spazio alle proprie iniziative, organizzando giveaways…;

…sei arrivato nel posto giusto.
No, hai letto bene, non c’è nessun trucco: non ti sarà chiesto assolutamente niente in cambio di una recensione, e questo perché trovo ridicolo che un esordiente debba pagare per essere recensito. Quando ci sono di mezzo i soldi, si rischia sempre che ci sia qualcosa sotto, come favori tra autori, raccomandazioni e tante altre brutte cose. Quindi no, qui i soldi non entrano.

Naturalmente, non saranno recensioni senza troppe pretese: un parere pubblicato su questo blog con ogni probabilità non ti farà entrare nella classifica dei libri più venduti, non ti renderà un mito all’estero, né ti farà realizzare il sogno segreto di ogni scrittore di vivere con ciò che si guadagna scrivendo… ma è sempre meglio di niente, no?

A questo punto, però, mi sembra d’obbligo fare una precisazione, per evitare fraintendimenti: Pensieri d’Inchiostro, e di conseguenza la blogger che lo gestisce (Topolinamarta), NON è uno di quei tanti blog presenti in rete i cui autori credono di aver scoperto il sistema del secolo per arraffare libri gratis. Sono tanti i siti che offrono servizi di recensioni gratuite (uno dei più conosciuti è di sicuro il progetto In my mailbox), ma pochi sono coloro che poi rispettano veramente i patti: conosco decine di blog che per ogni libro ricevuto gratuitamente dagli autori (che per ovvi motivi non possono regalare i loro romanzi a chiunque) danno in cambio la famosa “recensione” da 5 stelline che altro non è che il riassunto del libro stesso. Una cosa disgustosa, in poche parole.
Non è facile, ahimè, distinguere un blog serio da uno furbacchione. Per quel che può servire, però, con il mio progetto mi impegno a:
• leggere per intero i libri che riceverò;
• recensirli in breve tempo – compatibilmente con la lunghezza della lista e con i miei impegni personali – secondo le modalità che troverai qui sotto. Le recensioni, in particolare, cercheranno di essere il più possibile precise e accurate;
• eventualmente restituire il materiale inviatomi.

Ricapitolando, dunque: il progetto “Recensioni d’inchiostro” è aperto sia agli autori sia alle case editrici, e offre a entrambi spazio e pubblicità gratuiti.

Qui di seguito troverai tutte le istruzioni necessarie.

Generi accettati

Come sa bene chi mi conosce, sono una lettrice piuttosto onnivora: mi piace leggere di tutto, non ho particolari preferenze per un genere o per l’altro. Questo che sto passando è un periodo soprattutto fantasy, perché essendo anch’io un’aspirante scrittrice ritengo importante confrontarmi con autori che scrivono il mio stesso genere (o quasi…), perciò di questi tempi il fantasy è il genere che più di tutti mi va bene, ma non farti scrupolo di inviarmi anche romanzi horror, gialli, avventurosi, thriller, storici o quant’altro: li accetterò volentieri.

Sono giusto un paio quelli che preferirei evitare:

1) Niente pseudo-harmony stile Federico Moccia. Letto uno, li hai letti tutti, quindi preferirei evitare di sorbirmi ancora storie del genere;

2) Niente cloni di Twilight, quindi niente vampiri sbrilluccicosi, niente angeli gnokki e, in generale, niente storie d’amore per bimbeminkia;

3) Niente storia pulp, erotiche, in cui ci sia violenza gratuita o notevole presenza di linguaggio scurrile senza motivi particolari. Nulla di personale: è un genere che non amo, tutto qua.

A parte questi tre generi, però, compatibilmente con i miei impegni leggerò con piacere qualsiasi testo di narrativa (il che significa, possibilmente, niente poesie, saggi, biografie, ecc), e comunque sono disposta a valutare caso per caso ciascun titolo che mi venga proposto.

Istruzioni di invio

Hai due possibilità per farmi leggere il tuo libro: inviarmelo per posta o allegarlo a una e-mail in formato eBook.

A te la scelta: usando la posta tradizionale, spenderesti quei pochi euro che servono per spedire un piego di libri; utilizzare una semplice e-mail, invece, non costerebbe nulla, anche se capisco la diffidenza che provano certi autori nei confronti degli eBook, che possono finire facilmente online e infrangere così il copyright. Se può servire a qualcosa, ti garantisco che, qualora optassi per la versione elettronica, l’eBook in questione rimarrebbe confinato nel mio iPad per i secoli dei secoli (amen), senza essere mai diffuso in modo illegale.

Ad ogni modo, come ho già detto, la scelta spetta a te: per me non fa differenza, a parte il fatto che, se eventualmente dovessi citare passi del libro per scrivere la recensione, l’eBook mi faciliterebbe le cose, anche se forse la lettura di un libro cartaceo sarebbe più agevole di quella di un eBook. Questo, comunque, non è un problema rilevante. L’unico vantaggio del cartaceo è che, almeno per il momento, la lista è decisamente più corta, quindi i tempi si riducono.

•  Se decidi, dunque, di inviarmi il tuo romanzo in carne ed ossa (o meglio, in carta e cartoncino), contattami attraverso l’e-mail che trovi tra i contatti (pensieridinchiostro@yahoo.it) e provvederò a scriverti l’indirizzo a cui spedire il tutto. Se necessario, sono disponibile anche a restituire il materiale inviatomi.

•  Se invece opterai per l’eBook, scrivimi sempre allo stesso indirizzo e-mail allegando il libro. Per quanto riguarda il formato dell’eBook, preferisco il classico PDF e soprattutto l’ePub, l’ideale per iPad (questo per poter salvare il file direttamente sul dispositivo senza dover passare dal computer per convertirlo), ma in alternativa anche il mobi (formato Kindle) o il semplice doc (Microsoft Word). In ogni caso, preferirei non avere a che fare con l’ODT (il formato standard di Open Office): mi ha fatto dannare già abbastanza in passato.

In qualunque modo tu decida di contattarmi, ti chiedo un piccolo favore che a te costerà pochi minuti di lavoro: specie se desideri un articolo dedicato a te e al tuo romanzo, inviami una panoramica generale del testo che comprenda:

• breve biografia;
• casa editrice e collana;
• riassunto del libro;
• pagine, ISBN, anno di pubblicazione, prezzo e formato;
• siti dove è possibile acquistarlo (IBS, Amazon, Bol,…);
• eventuali siti correlati (blog dell’autore, pagina della casa editrice…);
• eventuale booktrailer e breve estratto.

Così sarà più facile per me organizzare una recensione completa.

Recensioni

Per quanto riguarda le recensioni, appena mi arriverà il libro, questo verrà inserito fin da subito nella “coda di lettura” e mi impegnerò a leggerlo al più presto, ovviamente nei limiti del possibile.
La lettura avverrà seguendo l’ordine di arrivo, in linea di massima, e gli unici cambiamenti potranno essere dovuti a ragioni pratiche: se per esempio avessi una visita dal dottore che comprenda una lunga attesa, potrei optare per un libro con più pagine anche se si trova più indietro nella lista d’attesa… ma in ogni caso si tratterebbe di variazioni minime.

In generale prometto un articolo dedicato a ogni recensione, ma qualora mi mancasse il tempo o mi capitasse tra le mani uno di quei libri così insignificanti da non riuscire a dire niente su di esso, la recensione arriverà tra le letture del mese in corso, che comunque saranno inserite anche sul sito aNobii.

[Quello che segue è un paragrafo tremendamente IMPORTANTE: leggilo con attenzione.]

Veniamo ora alla domanda da un milione di dollari: le recensioni saranno unicamente positive?

Dico fin da subito che no, anche se sono una “normale” lettrice adolescente, le recensioni cercheranno di essere il più possibile obbiettive. Se un libro è brutto, non ho alcun problema a dirlo, così come non ce l’ho a dire che è bello. Cercherò, naturalmente, di non fissarmi solo sui difetti ma di mettere in evidenza anche i pregi. Prima che tu decida di inviarmi qualsiasi cosa, ti invito a dare un’occhiata alle precedenti recensioni, in modo che tu possa farti un’idea del mio stile, e se come stile non ti piace, ti suggerisco di lasciar perdere: il mio stile è il mio stile, e non è mia intenzione cambiarlo non avendo dei buoni motivi per farlo.

Se mi invierai il tuo libro, darò per scontato che tu abbia letto e accettato il regolamento. Pertanto se il tuo ego di scrittore non accetta di essere giudicato da una lettrice con (presumo) parecchi anni meno di te, dunque, non sprecare oltre il tuo tempo su questa pagina e saremo entrambi più contenti: di siti disposti a lodare e sviolinare anche il libro più brutto ne esistono a bizzeffe, ma sfortunatamente questo non fa parte della categoria. Non c’è nessun problema in questo: semplicemente, sei capitato nel posto sbagliato.

Ad ogni modo non spaventarti troppo: se dai un’occhiata alle altre recensioni, noterai che quelle “disastrose” (diciamo da una gocciolina o meno) si contano sulla punta delle dita, e sono di quei libri in cui non si trova qualcosa di decente neanche a pagarlo. Per fortuna, però, libri del genere sono piuttosto rari: è assai più probabile, invece, finire nella fascia centrale dei libri mediamente validi… il che è  un buon risultato per un esordiente, non credi? 🙂

Limiti di pagine

Non ce ne sono. A meno che tu non sia sicuro di avere tra le mani il capolavoro del secolo, evita però di mandarmi mattoni di più di 1000 pagine, specie se hai fretta di ricevere un parere: non ho a disposizione tutto il tempo (e la voglia) del mondo, purtroppo.

(Eventuale) Pagamento

Che ci crediate o no, dall’apertuna del progetto ho avuto a che fare con autori rimasti soddisfatti dal mio lavoro a tal punto da decidere di darmi qualcosa in cambio. Come scritto poco sopra, l’iniziativa “Recensioni d’inchiostro” è nata come un progetto assolutamente gratuito e trasparente, e tale rimarrà per sempre (anche perché avere la possibilità di leggere qualcosa gratis è già una paga più che giusta, secondo me). Se tuttavia volessi farmi davvero, davvero felicissima, potresti pensare di regalarmi un libro: esistono diversi siti di shopping che permettono di inviare oggetti a qualsiasi destinatario (Amazon, IBS o Bol, per citarne alcuni), e come è risaputo la mia “libresca lista dei desideri” è sempre piena di nuovi titoli…
Be’, io l’idea te l’ho lanciata. Naturalmente non mi passa neanche per la testa l’idea di obbligarti, perciò considerala pure come una gradita offerta! In ogni caso, ora sai come contattarmi! 😉

Altre indicazioni

Dato che l’obbiettivo principale di una recensione è quello di consigliare (o eventualmente sconsigliare) un libro ai lettori, la precedenza viene data ai libri editi, possibilmente dotati del codice ISBN, in modo che possano essere aggiunti su aNobii. Se il tuo libro, dunque, fosse ancora inedito, contattami per e-mail e ti comunicherò se inviare il testo o meno.

Sarebbe una buona idea anche evitare di spedirmi libri pubblicati con contributo. O meglio, spediscimeli pure, ma non stupirti se, quando verrà ora di scrivere una recensione, dovesse scorrere un bel po’ di sangue…
Il motivo per cui dico questo? Semplice: con tutti i siti/blog/forum che si trovano ovunque su internet facendo una ricerchina su Gughel, nel 2011 chi pubblica a pagamento è scemo, c’è poco da fare. Se non è scemo, non è comunque capace di informarsi, e se non sa informarsi è matematicamente impossibile che abbia scritto un buon libro. Quindi fine della storia.
Via libera, invece, a chi ha optato per l’autopubblicazione.

Un’altra clausola scritta in piccolo che mi sembra d’obbligo è la seguente: sempre se desideri che non scorrano litri di sangue, sarebbe una cosa sensata propormi dei testi scritti perlomeno in italiano. Se così non fosse… pazienza, me ne farò una ragione, ma ti pregherei di non intasare la mia casella di posta con messaggi di insulti perché non sono stata in grado di comprendere il tuo “capolavoro”: per chi vuole scrivere, sapere l’italiano non è un optional, ahimè.

A parte queste semplici regole, però, potrai sbizzarrirti come preferisci.

Ti aspetto! 😉

*        *        *

EDIT: creati i due gruppi ufficiali del progetto, su aNobii e su Facebook. Inoltre, per visualizzare la lista dei libri in lettura, d’ora in poi potrete consultare questa pagina. Trovate le copertine dei libri “sotto esame” nel badge di aNobii, proprio qui nella colonna a destra.

EDIT del 13/10/13: come forse avrete notato, nelle ultime settimane ho avuto necessità di diminuire la frequenza di pubblicazione articoli a causa dei numerosi impegni che ho in questo periodo. Vi prego pertanto di comprendere, nel caso non dovessi accettare di prendere in lettura il vostro romanzo: il tempo che al momento posso dedicare al blog non è molto, e purtroppo mi vedo costretta a occuparmi solo dei titoli che mi interessano davvero.

Annunci

47 responses to “Per te che sei un esordiente…

  • topolinamarta

    Com’è la situazione…

    Vedi l’EDIT #2 qui sopra.

  • PlatinumV

    Iniziativa lodevole! Una domanda: commenti solo libri completi o sei anche disposta a dare pareri su parti di scritti? Certo, in questo caso una recensione sarebbe inappropriata, ma penso potrebbe essere utile a molti esordienti che stanno ancora cercando di affinare lo stile, per ricevere qualche commento utile PRIMA di aver scritto MALE 850 pagine di malloppo 😛
    V

    • topolinamarta

      Be’, trattandosi di un progetto “libri in cambio di recensioni”, ovviamente il mio scopo è consigliare (o eventualmente sconsigliare) la lettura di un certo libro edito, ma il mio sogno è di fare l’editor “da grande”, quindi un po’ di allenamente non fa male ^^ Come ho già scritto, però, la priorità va ai libri editi, perciò:
      a) preferirei che i testi inediti non fossero interminabili: non ho tutto il tempo (e la voglia) del mondo;
      b) i tempi saranno comunque più lunghi.
      Detto questo, comunque, certo che sì! 🙂

  • saradepunzio

    Sono una studentessa del liceo Aldo Moro, e penso che la tua iniziativa sia semplicemente fantastica 🙂 non sono tante le persone come te…soprattutto della nostra età che fanno quello che fai tu…e per questo sei da ammirare: FANTASTICA!!
    Volevo chiederti, se ti rimane del tempo perso, se potresti recensire il libro “Il mago dei numeri”, di Enzensberg.
    Grazie di tutto!!
    SARA 😉

    • topolinamarta

      Ciao, cara! 🙂
      Ti dirò che devo ancora collegare nome e faccia, ma del resto la nostra scuola è talmente grande che non accade di rado di incontrare persone completamente nuove ogni volta che si salgono le scale! xD
      Comunque, ti ringrazio, sei troppo gentile! =’)

  • Enzo Aita

    Ciao topolina,
    ti sto inviando il mio primo (e forse ultimo) libro in formato PDF.
    E’ pubblicato con photocity con scarsi risultati di vendite.
    Se il tuo parere fosse positivo penserei ad una riedizione più curata.
    Ma non farti scrupoli se devi uccidermi salva il viso e colpisci al cuore!

    Ti ringrazio per quanto farai e ti saluto cordialmente.
    Enzo Aita (in arte Solitario).

  • fillo

    ciao,
    sono uno studente di 3° media, e devo dire che il tuo progetto è semplicemente fantastico, ti volevo fare anche i complimenti per come scrivi, mi piace il tuo stile.
    In ogni modo anche a me piace scrivere e leggere, non posso inviarti niente ancora, sono solo piccole storie, ma ti volevo chiedere se potevi farmi una recensione di un libro di uno dei miei autori preferiti: carlos ruiz zafòn. Il titolo è L’angelo della nebbia
    grazie della tua attenzione
    filippo:-)

    • topolinamarta

      Ciao a te, Filippo, sono contenta che il mio blog ti piaccia! 🙂
      Intendi Il PRINCIPE della nebbia (perchè come saprai c’è anche Il gioco dell’ANGELO ;))? Se sì, l’ho già letto, quindi non escludo che prima o poi troverai anche la sua recensione 🙂

  • fillo

    scusami tanto, mi sono sbagliato, intendevo il gioco dell’ angelo
    grazie mille.

  • lucia

    ciao io ho messo su un mio progetto di scrivere una mia auto biografia ma penso ci vogliano minimo minimo 2 mesi esagerando. solo che la cosa ke piu mi manca ora siano la concentrazione e le parole adatte. riusciresti darmi qualche spunto per il mio libro x caso se possibile?? grazie

    • topolinamarta

      Ciao a te, Lucia. Ti dirò che non mi è facile risponderti: scrivere la propria biografia, per come la vedo io, non ha bisogno di particolari spunti. Se riuscissi a essere più precisa, forse potrei esserti maggiormente d’aiuto 🙂
      Per esempio, una volta terminata, la tua intenzione è quella di pubblicarla? Se sì, mi spiace deluderti, ma so che non è mai semplice riuscire a farsi pubblicare un’autobiografia (gratis, s’intende), dato che presumo tu non sia un personaggio così famoso da destare particolari interessi. Insomma, purtroppo nel mondo dell’editoria trovano veramente spazio solo quei libri che danno un buon profitto: se anche un libro fosse il più bello mai scritto, ma non fosse commerciale, sarebbe tutt’altro che facile pubblicarlo.

  • Fernanda

    Ciao, buona sera, sono una scrittice di narrativa e poesia esordiente, mi piace molto il tuo blog sopratutto per questo motivo:”Sarebbe una buona idea anche evitare di spedirmi libri pubblicati con contributo. O meglio, spediscimeli pure, ma non stupirti se, quando verrà ora di scrivere una recensione, dovesse scorrere un bel po’ di sangue…” e per questo motivo: “NON è uno di quei tanti blog presenti in rete i cui autori credono di aver scoperto il sistema del secolo per arraffare libri gratis. Sono tanti i siti che offrono servizi di recensioni gratuite (uno dei più conosciuti è di sicuro il progetto In my mailbox), ma sono pochi coloro che poi rispettano veramente i patti: conosco decine di blog che per ogni libro ricevuto gratuitamente dagli autori (che per ovvi motivi non possono regalare i loro romanzi a chiunque) danno in cambio la famosa “recensione” da 5 stelline che altro non è che il riassunto del libro stesso. Una cosa disgustosa, in poche parole”.
    Mi sono stati pubblicati in questi ultimi mesi tre libri di narrativa per ragazzi (GDS Edizioni) e una silloge poetica uscita proprio qualche giorno fa (La Gru Edizioni) e naturalmente sto cercando anch’io di farmi fare qualche recensione. Il tuo sembra proprio un blog serio.
    Nel mio blog c’è tutto il materiale da te richiesto: breve biografia, casa editrice etc. Preferisci che invece ti invii tutto per email?
    Posso inviarti tutti e quattro i libri in formato PDF?
    ciao

    questo è il mio blog: http://fernanda-raineri.blogspot.com

  • Raffaele Vertaglia

    Che siamo in tanti a scrivere, forse in troppi ed in troppo pochi a leggere!!! Poi se ci si reca in libreria troviamo i soliti nomi, raccomandati da “chissachi” e nomi stranieri a josa…Davvero sconsolante.

  • Fede Rico

    ciao, sono uno studente di 1°liceo e sto scrivendo un libro: il genere é fantasy, ed é una storia un po’ diversa dal solito (niente guerre ma parecchi intrighi, tipo corte dei Borgia).
    mi ha un po’ demoralizzato la recensione sul libro di Elisa Rosso, nella quale lasciavi intendere che gli editori, davanti a un ragazzino o a una ragazzina di 14/15/16 anni con un “libro”, non si disturbavano nemmeno a leggere lo scritto, pubblicandolo subito convinti di avere davanti un bambino prodigio.
    non voglio che il mio libro venga pubblicato solo perché ho 15 anni.
    voglio che l’editore lo legga tutto e lo giudichi indipendentemente dalla mia età. per questo volevo chiederti qualche consiglio, visto che mi sembri una persona competente… ti avviso che, qualora tu dovessi recensire il mio libro, accogliero’ volentieri qualsiasi critica negativa: dopotutto, sbagliando si impara!
    grazie in anticipo

  • Anairë

    Salve Marta!
    Vorrei farti i complimenti per questa iniziativa e per l’enorme responsabilità che ti stai prendendo!
    Ho letto qualche tua recensione, e devo dire che sono davvero ben fatte… ma anch’io, come Fede Rico mi sono sentita terribilmente demoralizzata dopo aver letto la tua recensione su Lady Red (che condivido pienamente). Anche io sto scrivendo qualcosina, e se ti va di leggerla, vorrei spedirti la prima parte del mio romanzo (sono 35 pagine su Word che si leggono tranquillamente in un paio d’ore). Avrei davvero bisogno di un commento imparziale e sopratutto impietoso, poiché l’ho sottoposto a tutti i miei amici e non ho avuto altro che commenti positivi… il tuo giudizio, specie se negativo, mi aiuterebbe molto!
    Attendo una tua risposta prima di inviarti il materiale 🙂

    • topolinamarta

      Ciao cara, è un piacere conoscerti! 🙂
      Certo che sarei felice di darti un parere sulla tua storia! Non sarò una critica di professione, ma di passione per stanare difetti e difettucci ne ho parecchia xD
      Se non l’hai già trovato, scrivimi pure all’indirizzo pensieridinchiostro@yahoo.it
      Ti aspetto, anche se non ti prometto che sarò Speedy Gonzales… la scuola non perdona, ahimè 😦

      • Elsio

        La scuola non perdona proprio! 👿
        Domani vedrò un barboso film di 3 ore…poi dovrò fare di esso la relazione…noia pura! 😦
        Inoltre…2 ore di fisica! 👿
        L’ideale per rilassarsi… 🙄

      • Anairë

        Grazie Marta!
        E non preoccuparti… da me sono i professori ad essere Speedy Gonzales! La mia prof di latino comincia ad interrogare la prossima settimana D:

      • topolinamarta

        Idem. E noi ieri abbiamo già avuto una verifica… >.<
        Se solo i prof si azzardano a dire che siamo indietro (e in classe siamo in 12, non so se mi spiego), giuro che quest'anno sguinzaglierò contro di loro il mio personale ragnone gigante! xD

      • Anairë

        Se da voi dicono che siete indietro e siete solo in 12, figurati da me, che siamo in 27!

  • Elsio

    Ehm…qualcuno saprebbe dirmi qualcosa su “Il nome della rosa”?
    Anche del libro, che ne so, un piccolo riassunto…io non ci ho capito nulla, la nostra televisione è piccolissima e l’audio era scadente, non si sentiva quasi niente. Qualcuno sarebbe così gentile da dirmi di cosa parla? 😀
    Per quanto riguarda i professori, da me c’è sempre una che dice:
    “siamo indietro! Siamo indietro! Ragazzi, siamo indietro! Oh, no! Siamo indietro! Mamma mia! Ma siamo indietro! Siamo troppo indietro!”
    Non sopporto questa professoressa! Oppure oggi c’è stata arte! Pensate che il professore ci ha fatto saltare l’arte preistorica, l’arte dei popoli mesopotamici e l’arte egizia perché dice che non c’entrano nulla con l’arte italiana e non l’hanno mai influenzata! 😯 A volte sembra che il prof parli con se stessa, molto spesso mormora! La vita scolastica è dura! 😉

    • topolinamarta

      Mmh… So che parla di una biblioteca labirinto e che c’è uno che mette del veleno sulle pagine dei libri, così chi si lecca il dito per sfogliarle ci rimane secco… ma non so di più, purtroppo: riuscirò a leggerlo, prima o poi ^^

  • profgemelli

    Il Nome della Rosa è un romanzo di Umberto Eco, noto intellettuale alla moda (30-40 anni fa). Al contrario delle altre sue opere Il Nome della Rosa è decisamente un romanzo di serie B, ovvero di letteratura popolare o ispirata alla letteratura popolare. E’ stato un caso editoriale, credo che sia il romanzo italiano più venduto nel mondo, o almeno lo è stato. E’ un giallo, niente di più, ma è davvero di atmosfera, e in pratica è l’unico romanzo di Eco che sia davvero leggibile, anzi più che leggibile: è bello e divertente. Intanto diciamo che si tratta di un giallo con influenze e citazioni Conandoiliane, inoltre l’ambientazione monasteriale ricorda quella dei gialli di Ellis Peters. Ci sono poi varie divagazioni storico-filosofiche, un po’ come in Moby Dick di Melville, ma niente paura: è roba all’acqua di rose. Si legge d’un fiato, quindi butta la TV e inizialo, Elsio. Io l’ho letto a 15 anni, credo in 3 giorni, quindi lo consiglio caldamente. Non do rimborsi se restate insoddisfatti, però.

    Se poi vi fate scorgere dal prof mentre lo leggete, correte il rischio di fare una bella figura, specie se il prof è femmina, ha una certa età, è di sinistra ed è un po’ ignorante… cioè praticamente andate tranquilli, ehm…

    Per quanto riguarda il film… ehi, ragazzi, stiamo parlando di un film di Jean Jacques Annaud! E con Sean Connery!!! E’ noioso????? Ma che volevate, Fast and Furious???? oppure ci volevate gli alieni????????

    Scherzi a parte, per me è un bellissimo film!

  • profgemelli

    Ah, ma tu devi fare una relazione sul film visto in classe! Ok, data l’emergenza, ecco in soldoni la trama (però chi vuol leggere il romanzo non la legga):

    Quattordicesimo secolo. Fra Guglielmo da Baskerville e Adso da Melk, suo allievo, si recano in un monastero, sede di un incontro-scontro teologico tra francescani (in odore di eresia per le loro tesi sulla povertà della chiesa) e delegati del papa (contrari al pauperismo). Lì l’abate incarica Guglielmo (ex inquisitore) di far luce su un omicidio, cui i monaci attribuiscono cause soprannaturali. Nel monastero circolano infatti numerose credenze circa la prossima venuta dell’Anticristo. Altre morti violente si susseguono. Guglielmo scopre che le morti sono connesse a un manoscritto greco custodito nella favolosa biblioteca del monastero, la quale è costruita come un labirinto (ah, già, questa è una citazione di Borges, me n’ero dimenticato). Nel monastero sono presenti anche due ex eretici di Fra Dolcino, uno dei quali viene scoperto regalare viveri a una povera fanciulla del luogo in cambio delle sue grazie; l’altro è un povero minorato. Anche il giovane Adso scopre casualmente i piaceri della carne grazie alla suddetta ragazza. L’inquisitore Bernardo Gui accusa la ragazza e i due frati ex dolciniani di essere schiavi di satana e di essere responsabili delle misteriose morti. Guglielmo rischia grosso difendendo i tre innocenti, in quanto Bernardo Gui lo odia e cerca di incriminare anche lui. Guglielmo e Adso si introducono nella biblioteca e scoprono il manoscritto della Poetica di Aristotele (in realtà il libro è andato perduto, se mai è esistito, cioè questo mitico manoscritto non esiste nella realtà), libro che tratta della commedia e del riso, che il venerabile Jorge (non vedente) ha reso inaccessibile e mortale, avvelenandone le pagine (per lui il riso è deprecabile, e l’infallibile Aristotele non avrebbe dovuto scrivere tal libro). Jorge cerca quindi di avvelenare anche Guglielmo, ma questi ha capito che ad uccidere i monaci è stato il manoscritto avvelenato, e lo sfoglia con le mani protette da un guanto. Il vecchio Jorge allora, sottrae il libro e ne divora le pagine. Mentre Guglielmo e Adso tentano di fermarlo si genera un incendio che distrugge l’intera abbazia. Adso e il suo maestro scamperanno. La ragazza sta per essere bruciata viva come strega ma una rivolta popolare le salva la vita (questo non c’è nel libro, ma solo nel film).

    • Elsio

      Come posso ringraziarti? 😀 :mrgreen: 😀 :mrgreen: 😀
      Grazie, grazie, grazie, grazie, grazie! 😉 😀 😉
      Eh! Eh! 🙂 Grazie mille! 😀
      “Se poi vi fate scorgere dal prof mentre lo leggete, correte il rischio di fare una bella figura, specie se il prof è femmina, ha una certa età, è di sinistra ed è un po’ ignorante… cioè praticamente andate tranquilli, ehm…”
      Hai fatto la descrizione della mia professoressa! 😀
      Per leggere i nomi del registro arriva addirittura a baciarlo, ha degli occhiali spessissimi e non vede…
      Ciao e ancora GRAZIE, profgemelli! 😀 😀 😀

  • profgemelli

    Come al solito non avete capito niente: baciare il registro di classe è un rito obbligatorio che fa parte del cerimoniale di sottomissione che noi prof dobbiamo seguire per obbedienza al Ministero dell’Istruzione, pena la scomunica, il degradamento e la crocifissione in sala mensa.

  • Davide

    Lodevole iniziativa! Non si sa mai che ti spedisca qualcosa… prima o poi! 🙂

  • Roberto Gianolio

    Grazie Topolinamarta, ho trovato il tuo blog stasera, cercando su internet, ti invierò certamente il mio primo romanzo che ho messo su Amazon in vendita. Ti chiedo la possibilità di inviarlo nel modo elettronico in forma pdf, fammi sapere quando e come inviartelo.
    Grazie Roberto

  • Ilaria

    Ciao topolina,
    Vorrei tanto inviarti i miei due libri fantasy/distopici per una recensione! Fammi sapere 🙂
    Grazie,
    Ilaria

  • dottord

    Gentile staff di Pensieri d’Inchiostro,

    un paio di giorni fa ho provato a scrivere all’indirizzo pensieridinchiostro@yahoo.it , ma purtroppo non ho ricevuto risposta, perciò ci riprovo qui.

    La mia domanda: il progetto “Recensioni d’inchiostro” è ancora attivo? Se sì, avrei un testo da sottoporvi.

    Vi ringrazio anticipatamente.

  • Claudio Paganini

    Ho letto tutto quello che hai scritto e mi sembra una gran bella iniziativa…io non voglio e non cerco recensioni benevole a prescindere ma una critica costruttiva su quello che scrivo, proprio per capire se vale o meno, se arrivo nel cuore e nella mente delle persone che mi leggono oppure no… spero che tu mi possa illuminare su questo eterno dilemma…ti invio subito il mio ultimo libro…poi se vorrai..anche gli altri..
    grazie in anticipo .
    Claudio

  • ferdinando de blasio

    Considerando che sei giovanissima e pure studentessa è un impegno gigantesco. Hai tutto il mio appoggio, almeno per la nobiltà dell’ideale!
    Intanto, ti seguo.
    F.

  • crownless26

    Interessante. Peccato io scriva poesie!! È vero, molti fan pagare per una recensione, me è successo, una cosa assurda. Mi piace il tuo blog.

  • incredibileultimate

    Ciao, sono un autore di genere fantasy che sta cercando di farsi conoscere 🙂 ho scritto il mio primo libro di una trilogia a dodici anni e l’ho pubblicato recentemente non avendo (purtroppo) avuto la possibilità di correggerlo molto 😦 ora sto scrivendo il secondo e il terzo e, per quanto tremo la tua recensione possa essere negativa, potresti farci un pensierino? Ne sarei veramente onorato .:)

  • ff0rt

    Vi ho appena inviato il mio primo romanzo, “Il Mediatore”, fantascienza e thriller pseudo-partenopeo. Spero che lo apprezzerete. A presto!

  • ikustang88

    Bellissima idea!!! E’ bello vedere che ci sono persone con così tanta passione per la lettura.
    Brava brava brava!!!

  • Giulia

    Ciao, ancora non accetti libri di poesia? Se sì, potrei inviarti la versione pdf tramite e.mail ? E’stato pubblicato solo in versione cartacea. Grazie per la risposta e buon lavoro.

  • amleta

    Ciao, vedo che le tue recensioni si sono fermate, come mai? Non hai più tempo per recensire oppure te ne inviano troppi? Io ho pubblicato dei libri son due editori che non chiedono contributo. Il risultato è che su Amazon non si trovano nè per categoria nè nella lista dei libri che compare per tema. Sono rimasta molto male ieri quando ho notato questa cosa. Poi ci sono molto utenti che si lamentano per gli ebook che non sono di qualità; ma se i libri come i miei nemmeno si possono vedere come si fa poi a scegliere bene? Io son stata scelta da due editori proprio per la qualità dei miei scritti ma il risultato ottenuto è pessimo. Inoltre non esiste altra promozione se non amazon e basta. Ma che senso ha allora scrivere bene se poi i libri nemmeno vengono messi in lista? 😦

    • topolinamarta

      Cara Amleta, sì il problema principale è la mancanza di tempo: con le ultime recensioni mi rendevo conto di leggere i testi in modo frettoloso ed esprimendo giudizi poco approfonditi, e giudicare un libro in modo superficiale perché non ho tempo per dedicarmici con attenzione.
      Per quanto riguarda il problema di cui parli, purtroppo nemmeno un editore che sceglie manoscritti da pubblicare in base alla qualità – e non ai soldini spillati all’autore – è considerabile un buon editore, se poi non si occupa di distribuire i suoi titoli in modo che la gente li possa conoscere e apprezzare.

  • rimai74

    CIao! E’ bello trovare ancora persone che amano la lettura.. 🙂 Minimo comun denominatore, però, il poco tempo a disposizione.. Anche io ho un “blog” nel quale, tra le altre cose, ho inserito la recensione di alcuni libri che ho letto e conto di portare avanti la cosa..

    Buona lettura! 🙂

  • Elle

    Anch’io mi diverto a scrivere recensioni, e ti dico che la regola numero uno per scrivere una buona recensione oggettiva è non avere pregiudizi 😉

Stretta è la soglia, larga è la via: dite la vostra, che ho detto la mia!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: