Archivi tag: storia

[Recensione] L’inverno e la primavera

Buona domenica, popolo di internet! Ecco a voi una nuova recensione, naturalmente del nostro caro progetto! 🙂

Titolo: L’inverno e la primavera
Autore: Annalisa Caravante
Tags: guerra, amore, storia
Editore: CoreBook
Pagine: 440
Anno di pubblicazione: 2013
Prezzo: €7,99
ISBN: 9788896560594
Formato:  eBook (ePub, PDF)
Illustrazioni: Simona Lazzaro
Valutazione: 4,5
Grazie all’autrice per avermelo inviato in formato eBook.

 sito editore sito dell'autore  ibs
facebook youtube spizzico

RIASSUNTO – Mara vuole raccontare al mondo le atrocità dei campi di concentramento nazisti. Lei è una giornalista e una donna e non può chiudere gli occhi difronte alla pazzia delluomo capace di ridurre i suoi simili in ombre private perfino della propria dignità. Martina è troppo piccola per capire la guerra, troppo ingenua per difendersi dalle brutture del mondo, troppo libera per restare imprigionata nellipocrisia e nelle convenzioni. Lei sogna di imparare a leggere e a scrivere, sogna una vita diversa, sogna lAmore. Mara e Martina, due donne e un solo uomo a cui entrambe, attraverso percorsi diversi, sono legate da un amore profondo e indissolubile. La Napoli del dopoguerra raccontata attraverso una storia damore e di sofferenza nella quale i destini di gente diversa si incontrano e si intrecciano, dando vita ad un romanzo avvincente che tocca le corde del sentimento in un continuo alternarsi di sfumature: amore, amicizia, perdita, dolore ma sempre e comunque speranza. In un continuo alternarsi di inverno e di primavera.

L’AUTRICE – Annalisa Caravante è nata a Napoli nel 1977. Vive ad Acerra ed è diplomata in lingue. Ha molteplici interessi, come il disegno e la fotografia artistica, ma ama soprattutto scrivere. Lo fa sin da piccola, quando inventa brevi racconti da leggere alle sorelle e ai piccoli della sua famiglia. In seguito, già in età adolescenziale, scrive alcune poesie che sono state raccolte in un libro, inedito, dal titolo “La poesia e le altre”. Nel 2004 scrive il suo primo romanzo “Odissey life”, al quale ne segue uno nel 2008, “Tersa gli occhi del vento”, entrambi inediti. Contemporaneamente scrive racconti comici su un forum. Nel 2008 nasce la prima stesura de “Il paese degli aghi di pino”, ispirato ai lavori di Matilde Serao, di cui Annalisa apprezza molto “Il paese di Cuccagna”. Il romanzo, completato nel 2011, è la sua prima opera pubblicata.

Continua a leggere

Annunci

[Recensione] Waiting Room

Titolo: Waiting Room
Autore: Bianca Rita Cataldi
Tags: narrativa, ricordi, passato, emozioni, attesa
Editore: Butterfly
Collana: Raggi di sole
Pagine: 154
Anno di pubblicazione: 2013
Prezzo: €12,00
ISBN: 9788897810209
Formato:  brossura
Copertina e grafica: Elisabetta Baldan
Valutazione: 4,5

Grazie alla “Butterfly Edizioni” per avermelo spedito.

sito editore blog autore sito libro 
ibs amazon youtube

RIASSUNTO – È il 1942. In una Puglia bruciata dal sole, Emilia e Angelo condividono la passione per il sapere, il desiderio di libertà e il tempo della loro giovinezza. Settant’anni dopo, seduta nella sala d’attesa di un dentista, Emilia rivela a se stessa la verità negata di una giovinezza che adesso, per la prima volta, ha il coraggio di riportare alla luce. Con una scrittura che è poesia del ricordo e caleidoscopio di emozioni, Bianca Rita Cataldi accompagna il lettore tra i sorrisi e le lacrime di una donna come noi, raccontando la storia di un amore mancato, di una generazione nell’età dell’incertezza, di un’attesa che attraversa tutta una vita.

L’AUTRICE – Bianca Rita Cataldi è nata nel 1992 a Bari, dove frequenta la facoltà di Lettere Moderne e studia pianoforte in conservatorio. Finalista al Premio Campiello Giovani nel 2009, ha esordito nel 2011 con il romanzo “Il fiume scorre in te”, pubblicato da Booksprint Edizioni. Nel gennaio 2013 ha fondato il blog/magazine culturale Prudence e da un anno collabora con la casa editrice Butterfly. Scrive recensioni letterarie per numerose case editrici sul suo blog B. among the little women. “Waiting room”, finalista della II edizione del Premio Villa Torlonia, è il suo secondo romanzo.

Continua a leggere


[Recensione] Cleoth e Arkh

Desidero scusarmi con l’autore per il grosso ritardo nella pubblicazione di questo commento riguardo al suo libro: non so bene cosa sia successo, ma l’eBook si era perso da qualche parte nei meandri del mio computer… mi spiace davvero tantissimo per la lunga attesa 😦

Titolo: Cleoth e Arkh
Autore: Sergio Bertoni
Genere: narrativa, fantasy, storia, Egitto
Editore: Photocity
Pagine:  149
Anno di pubblicazione:  2012
Prezzo di copertina: €10,00
ISBN: 9788866822097
Formato: brossura
Valutazione: 
Grazie all’autpre per aver inviato il libro in formato eBook.

  

RIASSUNTO – Fidia, un astronomo siracusano, conduce il giovane figlio ad Alessandria, tra i migliori scienziati dell’epoca, per proseguire i suoi studi. Il giovane, che oltre ad essere uno studioso è anche un valoroso guerriero, si innamora di una bellissima sacerdotessa di Iside e ne è riamato. Seguono incredibili avventure che coinvolgono Dei egizi e sepolcri, con mummie di remoti Faraoni. Un antichissimo popolo,che sembrava scomparso, ritorna da un lontano passato alla ricerca di nuove glorie. Il guerriero e la sacerdotessa devono contrastare e combattere il volere di un potente Dio oscuro, e il tentativo di un sacerdote di …. ma lo saprete leggendo il libro, che si conclude con la difesa di Siracusa dall’assalto dei romani, ostacolati dalle incredibili invenzioni belliche del genio di Archimede. Una storia apparentemente vera, con molti personaggi realmente esistiti, reinterpretata dalla fantasia.

L’AUTORE – Sergio Bertoni, nato a Roma nel lontano 1935, ha vissuto la sua fanciullezza a Padova, subendo, con la sua famiglia, il terribile periodo della guerra e sopravvivendo a otto bombardamenti.
Conserva di quel periodo un ricordo vivissimo di cui si trova traccia in alcuni suoi racconti.
Precocissimo il suo interesse per la lettura; a soli otto anni già divorava di notte, al lume di una candela, tutti i libri della biblioteca paterna, comprese opere, non proprio leggère, come “Guerra e Pace” di Lev Tolstoj o la trilogia “La nascita, La morte e La Resurrezione degli Dei” di Dimitri Mereskovskij.
Laureatosi in lingue e letterature moderne a Milano, con una tesi di ricerca su “Candida” di George Bernard Shaw, ha ora finalmente, dopo una vita di lavoro in una delle più grandi aziende italiane, tutto il tempo necessario per dedicarsi alle grandi passioni della sua vita: la lettura e la scrittura.

Continua a leggere


[Recensione] La compagnia della Serenissima

Salutiamo il mese di luglio con una nuova recensione del progetto, in cui parlerò del romanzo La compagnia della Serenissima.
N.B.: troverete un piccolo spoiler, ma non preoccupatevi: ho pensato di metterlo dello stesso colore dello sfondo, così non correrete il pericolo di rovinarvi la sorpresa. Se invece volete leggerlo, vi basterà selezionare la frase in questione e… puff! Magicamente il testo tornerà visibile! 🙂

Titolo: La compagnia della Serenissima (#1/3)
Autore: Francesca Sannibale
Genere: fantasy storico
Editore: IlMioLibro (autopubblicato)
Pagine: 226
Anno di pubblicazione: 2011
Prezzo di copertina: €16,50 (€11,50 su Ilmiolibro.it)
ISBN: 9788891008435
Formato: brossura
Valutazione:  
Grazie all’autrice per avermi inviato il libro in formato eBook.

     

RIASSUNTO – La riapertura della Ca’ Rosa e la riscoperta di una misteriosa lettera risalente al 1750 innesca, simile all’ingranaggio di un carillon, una serie di eventi a metà strada fra il soprannaturale e lo spionaggio, l’intreccio d’amore e il mistero. Luigi Del Casato ha sedici anni e si può definire un ribelle a tutti gli effetti. Nobile e sprovveduto, abbandonato dai suoi genitori quando era ancora un bambino, il giovane vive il caos della decadente Venezia del Settecento senza conoscere alcuna regola all’infuori del suo inestirpabile senso dell’onore, abbandonandosi a una bravata dietro l’altra insieme a Fabrizio, il suo migliore amico. La sua vita cambia in un piovoso pomeriggio d’inverno, quando, mentre è alla ricerca di una maschera per l’imminente Carnevale, il ragazzo si imbatte nel misterioso Gondoliere, un uomo dall’oscuro passato che sembra conoscere molte cose sui suoi genitori, segreti inconfessabili intrisi di magia e tradimento. Deciso a saperne di più, Luigi accetta di imparare le arti magiche, diventando un promettente apprendista.
Colomba Naradin ha quindici anni e nessuno fuori dalla porta della sua prigione di lusso sa della sua esistenza. Figlia di traditori della Repubblica, la ragazza è tenuta prigioniera dal perfido zio, che le ha ucciso entrambi i genitori e il fratellino durante un colpo di Stato. Avida di vendetta e di libertà, guidata dai poteri magici che le scorrono nelle vene, Colomba riesce a sfuggire al suo aguzzino assumendo le sembianze della Dama Nera, una maschera che presto attirerà molte voci su di lei in tutta Venezia. Il suo destino e quello di Luigi si incontreranno nel tripudio di colori del Carnevale in piazza San Marco, facendo nascere fra i due un amore potente quanto pericoloso. E quando il ragazzo verrà sfidato a un duello mortale, Colomba sarà costretta a fare una scelta dalla quale non ci sarà via di ritorno. Una scelta che potrebbe salvare l’intera Venezia dalla totale distruzione.

L’AUTRICE  Nata nel 1991, nel 2010 si è diplomata al Liceo Classico con buoni voti e attualmente studia Storia dell’Arte presso La Sapienza di Roma. Il suo primo libro, “La Torre sul Mare”, nasce sui banchi di scuola durante un’ora di buco, quando aveva solo 13 anni. Da quel momento in poi, non smetterà mai di scrivere. “La Compagnia della Serenissima”, trilogia iniziata nel 2007, è finora il lavoro che le è stato maggiormente riconosciuto dal pubblico e dalla critica, conquistando nel 2011 la semifinale al concorso ilmioesordio. Attualmente l’autrice si dedica anche alla pubblicazione di fanfiction e racconti originali sul sito EFP e alla stesura di testi teatrali per la propria compagnia. Nella vita di tutti i giorni, canta in un coro polifonico e pratica equitazione a livello amatoriale.

Continua a leggere


Recensione: Il senso dell’acqua

Titolo: Il senso dell’acqua
Autore: Cristina Fabbrini
Genere: narrativa, storia
Editore: I libri di Emil
Collana: Composizioni
Pagine: 272
Anno di pubblicazione: 2011
Prezzo di copertina: €16,00
ISBN: 9788896026878
Formato: brossura
Valutazione: 
Grazie all’autrice per spedito il libro in formato eBook.

     

RIASSUNTO – Una storia vera, che ha del romantico, dell’incredibile, del sensato e dell’assurdo. Due storie d’amore diverse e avvincenti, che si snodano e si intrecciano su due vite parallele: una è quella attuale, l’altra vissuta più di duecento anni fa.
Ma da che cosa ha origine tutto quanto? Da alcuni fenomeni strani che si verificano, di solito, all’alba: sono solo sogni? L’ipotesi non è credibile in quanto compaiono anche odori e sensazione di ricordi… Poi, una sera, davanti alla TV, il volto di un attore sconosciuto scatena l’apocalisse. E la giostra comincia a girare…
Nel caos della situazione compare poi, quasi per caso (o per predeterminazione?) Marco Serravalle, che tiene corsi di “Cristalloterapia delle vite passate”. 
Il corso, i primi trattamenti, molti dubbi, poche certezze: ecco che cominciano a emergere i ricordi di una vita passata che si ricollegano e combaciano alla perfezione sia con i fenomeni delle mattine che con l’immagine dell’attore.
È a questo punto il libro prende due vie: quella della vita attuale e quella della vita passata. Le storie si sviluppano e si intrecciano, fino a…

L’AUTRICE  Cristina Fabbrini è nata a Bergamo nel 1970. Ha lavorato per alcuni anni come giornalista sportiva per alcune testate locali, prima di dedicarsi allo studio delle Rune e all’esoterismo. Assetata di sapere e innamorata di Pietre e Cristalli, nel 2004 frequenta il corso di Marco Serravalle, “Cristalloterapia delle Vite Passate”, che le rivela una visione del tutto nuova riguardo all’utilizzo delle Pietre. È la fine di un’esistenza fatta di ricerca e inquietudine, e l’inizio di una nuova realtà, nella quale comincia a trovare le prime risposte. È iscritta all’Università degli Studi di Milano, alla facoltà di Lettere Moderne.

Continua a leggere


L’inizio della storia

Ben appropinquato a questo maniero, o impavido viandante, che dopo tanto vagare per lo sconfinato oceano chiamato Internet sei alfine giunto alla mia umile dimora.
Per prima cosa, desidero ringraziare te. Sì, hai letto bene, proprio te che stai leggendo queste righe, e che ora sei seduto sulla tua seggiola preferita davanti allo schermo del computer. Ti do un caloroso benvenuto nel mio blog, nel mio castello in una terra lontana, nel mio fantastico mondo,… ovvero nel minuscolo spazio web che dopo tante fatiche e tanti sogni sono riuscita a ritagliarmi.
Ringrazio te prima di tutto, perché senza lettori un blog non è niente, è una completa nullità. E se anche tu fossi l’unico visitatore mai passato di qua… ne sarebbe valsa la pena ugualmente. Un lettore, dopotutto, è pur sempre meglio di nessun lettore, no?

In tutto il web, dicono, sono presenti più di 130 milioni di blog. Uno solo, se messo a confronto, non è niente: è come un singolo granello di sabbia, una singola goccia di acqua di mare, una singola stella. Eppure questo in cui sei capitato non è come tutti gli altri: questo è speciale, unico.

Continua a leggere