Archivi tag: urban fantasy

[Recensione] La maledizione di Ondine

Buondì, miei prodi! Incredibile ma vero, sono sopravvissuta alla prima settimana di quinta superiore (sìììì, prof, lo so che abbiamo l’esame, non c’è bisogno di ripeterlo venti volte al giorno! =.=), perciò per festeggiare è ora di mandare avanti il nostro caro progetto!

Titolo: La maledizione di Ondine
Fa parte di:  I Guardiani dei Portali (#1/3)
Autore: Valentina Barbieri
Tags: paranormale, fantasmi, magia, scienza
Editore: Amazon (autopubblicato)
Pagine: 284
Anno di pubblicazione: 2013
Prezzo: €12,00 (eBook €1,99)
ISBN: 9788891107305
Formato:  brossura, eBook
Illustrazioni: Vanesa Garkova
Valutazione: 4,5
Grazie all’autrice per avermelo inviato in formato eBook.

 sito dell'autore  ibs amazon
facebook youtube spizzico

RIASSUNTO – Ondine è una giovane sensitiva in grado di percepire una dimensione in cui gli spiriti vagano, anelando il modo per tornare nel mondo dei vivi. Cercando una spiegazione razionale e scientifica, Ondine, insieme all’amico Francesco, indaga su eventi paranormali.
La verità inizia a venire allo scoperto quando a Londra incontra Benjamin Law, un giovane e affascinante prete in grado di passare dall’Altra Parte. Grazie a lui, Ondine viene a conoscenza di oggetti posseduti e assiste a un terribile esorcismo.
Le informazioni su un antico Ordine dei Guardiani portano Ondine e Benjamin a Praga, alla disperata ricerca di Lysandra Novacek, l’ultima discendente della famiglia a capo dell’Ordine. Tra spiriti e luoghi antichi, Ondine viaggerà per l’Europa, affrontando le sue più grandi paure, compresa quella di un amore così forte quanto impossibile.
“Quando attraversi le porte che separano il mondo dei vivi da quello dei morti, devi essere sicura di poter tornare indietro…
 Chi sono i Guardiani dei Portali e perché l’Ordine si è sciolto dopo la seconda guerra mondiale? Cosa si nasconde dentro la dimora di Hasdeu, filosofo e politico romeno della fine dell’800? Come si sconfigge chi è già morto?

Continua a leggere


[Recensione] Stryx – Il marchio della strega

Credete che i romanzi fantasy per Young Adults devono essere l’uno il clone dell’altro e fare acqua da tutte le parti a priori? Be’, lo credevo anch’io… Per fortuna ho scoperto, tramite il progetto, un libro che mi ha fatto cambiare idea, almeno in parte. Permettete che ve ne parli? 🙂

stryxTitolo: Stryx
Sottotitolo: Il marchio della strega
Autore: Connie Furnari
Generi: urban fantasy, young adults, streghe, magia
Editore: Edizioni della sera
Collana: Spade d’inchiostro
Pagine: 292
Anno di pubblicazione: 20111
Prezzo: €12,00
ISBN: 9788897139041
Formato: brossura
Valutazione:
Grazie all’autrice per avermi inviato il libro in formato eBook.

blog autore
youtube spizzico

RIASSUNTO – Dopo aver vissuto in Inghilterra, Sarah, una potente strega, torna a Salem decisa a ricominciare una nuova vita senza la magia. Inaspettatamente, giunge la sorella minore: Susan, strega intrigante e perversa che ha scelto di passare al lato oscuro per la sete di potere, determinata a sconvolgere l’esistenza di Sarah e degli ignari studenti del liceo di Salem.
La vita scolastica si rivela fin da subito molto più dura del previsto. L’unico apparentemente interessato a conoscerla è un giovane dai grandi occhi grigio azzurro: Scott. Il solo ad essere in grado di risvegliare in lei antichi sentimenti che credeva ormai essere assopiti.
Ma Salem ben presto comincerà ad essere sconvolta da numerosi delitti inspiegabili, il cui unico filo conduttore sarà un marchio a forma di ‘S’ posto sulle vittime. Le strade della cittadina diventano pericolose trappole mortali, e a Sarah non resterà altro che affrontare il suo oscuro passato per poter salvare le altre giovani streghe e se stessa.

L’AUTRICE – Connie Furnari è nata a Catania, il 6 Dicembre del 1976. Si è laureata in Lettere con una tesi di psicanalisi freudiana sul “racconto perturbante”: un’analisi su come il fantastico interagisca nella vita reale, in modo diverso da persona a persona, fin dalle fiabe dell’infanzia. Ha vinto numerosi premi con le sue poesie e ha pubblicato racconti in diverse antologie. Scrive per la rivista on line Fantasy Planet e aderisce a numerosi siti letterari. Da sempre appassionata di scrittura e di cinema, vive tra centinaia di libri e dvd; adora leggere, disegnare fumetti manga e dipingere quadri a olio mentre ascolta musica classica.
Scrive fiabe per bambini, fantasy, urban fantasy e paranormal romance. Continua a leggere


[Segnalazione] La curiosità uccide il gatto

Titolo: La curiosità uccide il gatto
Fa parte di: Zora Von Malice (#1/4)
Autrice: Blake B.
Genere: urban fantasy, paranormal romance
Editore: Montecovello
Pagine: 202
Data di pubblicazione: giugno 2012
Prezzo: €14,00
Formato: brossura
ISBN:  9788867330362

  

Continua a leggere


Recensione: Anime impure

Non ditemelo, tanto lo so già: sono in ritardo, e prevedo che nelle prossime settimane la situazione non migliorerà. Spero mi perdonerete… perciò intanto godetevi questa nuova recensione, sempre nell’ambito del progetto.

Titolo: Anime impure – La rivelazione
Autore: Cristiano Signorino
Genere: urban fantasy, paranormale
Editore:  Gruppo Albatros – Il filo
Collana: Imago
Pagine: 237
Anno di pubblicazione:  2009
ISBN:  9788856716191
Prezzo:  €15,50
Formato: brossura
Valutazione:  
Grazie all’autore per avermelo spedito.

 

NB: al momento il libro è fuori catalogo; tuttavia lo trovate in catena di lettura su aNobii.

“Le ombre festeggiarono, silenziose, l’avvenuto incontro tra la giovane e Gabriel. Alcune guizzarono di gioia, altre tremarono di felicità. Occhi umani osservarono quell’oscura danza pur senza prestarvi veramente attenzione. Furono in pochi a comprendere quanto stesse veramente accadendo e non tutti se ne rallegrarono.”
Cosa accadrebbe se la materia di cui sono fatti i sogni riuscisse a filtrare in un mondo da cui le illusioni sono state bandite? Forse i sogni cercherebbero vendetta e, con loro, anche gli incubi.

Ho impiegato un po’ di più del previsto per concludere questo libro, ma alla fine ce l’ho fatta, perciò eccomi a illustrarvi le mie impressioni post-lettura.

Comincio col dire che riuscire a superare la parte iniziale è stata una faticaccia non da poco, ed è forse per questo che per leggere la prima metà ho impiegato più di una settimana, mentre la seconda è volata via in un pomeriggio: a essere sincera, infatti, i capitoli introduttivi non mi sono affatto piaciuti. Continua a leggere